PUBBLICITA'

PATRIZIA PIERBATTISTA SPIAGGINA HERTZ GARAGE ITALIA
PUBBLICITA' CHIAMA SUBITO! 3288862722 THE WOGUE.NET STUDIOPR
 
 

NEW ENTRY
 
OFFERTA THE WOGUE.NET PUBBLICITA'
 

Youreporter/Vimeo

you reporter.it/the wogue.net VIMEO THE WOGUE.NET
 
 pintarest patrizia pierbattista the wogue.net patrizia pierbattista tumblr
 blogger thewogue.net  odnoklassniki the wogue.net
reddit logo the wogue.net VKontakte thewogue.net
the wogue.net skyrock.com the wogue.net livejournal

you tube

youtube

THE WOGUE.NET RADIO SPREAKER

 SPREAKER RADIO THE WOGUE.NET

STUDIO PR MARKETING & COMMUNICATIONS ARTS & EVENTS

Instagram
 

      THE WOGUE.NET 

SCARICA LA RIVISTA ! -->      Scarica la rivista!

                                                                                           the wogue.net il blog                                         

 

 

                                 BANDIERA EUROPEA THE WOGUE.NET     BLOGZINE MENSILE XII ANNO. MESE  GENNAIO  2021BANDIERA D'ITALIA THE WOGUE.NET

                                                                                                 LA START-UP E SITO D'INFORMAZIONE A CARATTERE GRATUITO  INTERNAZIONALE BLOGZINE NASCE  NEL MADE IN ITALY DA UNA IDEA NEL 2008 DA PATRIZIA PIERBATTISTA & MIRELLA PIERBATTISTA & GIULIANA MATTEUCCI 
                                                                                                                                                                whatsup the wogue.net +393288862722                                                                                        
 
 
Risultati immagini per logo golf people   
                                                                                  
 

MOTORS & GO... TUTTE LE NEWS GENNAIO 2021

1 gennaio 2021
MOTORI & C.
 
 
MOTORS & GO...  
TUTTE LE NEWS  GENNAIO 2021
 
 
THEWOGUE.NET AUTO NEWS
NEWS
donate nowdonazione the wogue.net

PER DONAZIONI:

 

IBAN IT65J0305801604100320249689 A CHEBANCA!

patrizia pierbttista By Patrizia Pierbattista
redazione.thewogue.net@gmail.comredazione.thewogue.net@gmail.com
flash fotografico the wogue.net linda eyesFoto  e video by Linda Eyes Studiopr/TheWogue.net

Marcato auto usate: torna il segno meno ad agosto 2019Segno meno a novembre per il mercato dell’usato nel settore delle quattro ruote. Dopo 5 mesi di costante crescita i passaggi di proprietà di autovetture, al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), hanno chiuso il bilancio di novembre con un decremento del 5% rispetto all’analogo mese dell’anno precedente. Bilancio ancora peggiore in termini di media giornaliera, considerata la presenza a novembre 2020 di una giornata lavorativa in più: -9,5%. Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 169 usate nel mese di novembre e 187 nei primi undici mesi dell’anno.

 

Prosegue invece il trend positivo nel settore delle due ruote di seconda mano. I passaggi di proprietà di motocicli, depurati dall’effetto distorsivo delle minivolture, hanno fatto registrare a novembre una crescita mensile dell’11,4% (a causa della giornata lavorativa in più, tuttavia, la media giornaliera si riduce a +6,1%).

 

Il mercato dell’usato nei primi undici mesi del 2020 resta ancora nel suo complessivo in terreno negativo, evidenziando cali dei passaggi di proprietà netti del 14,6% per le autovetture, del 3,2% per i motocicli e del 12,2% per tutti i veicoli.

 

Per quanto riguarda le prime iscrizioni il mese di novembre conferma i trend generali già evidenziati lo scorso mese: in forte contrazione le vendite mensili di auto a benzina (-28,7%), mentre quelle delle auto diesel calano in misura inferiore (-16,9%); sempre in deciso aumento al contrario le prime iscrizioni di auto ibride ed elettriche (+322% elettriche, +309% ibride a benzina e +33,8% ibride a gasolio). Da segnalare l’aumento delle incidenze delle elettriche e ancora di più delle ibride a benzina, che sono passate da novembre 2019 a novembre 2020 rispettivamente dallo 0,8% al 3,3% e dal 4.8% al 20,2%. Analoghi trend mensili di crescita a tre cifre si riscontrano per le alimentazioni “green” anche sul mercato dell’usato, sia per quanto riguarda i trasferimenti netti sia per le minivolture, anche se le quote percentuali restano ancora inferiori o prossime all’1%.

CONTINUA CON LE NEWS MOTORS &GO...

 

 

I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it .

 

Bilancio molto positivo per le radiazioni registrate nel mese di novembre. Trainate anche questo mese dagli ottimi risultati delle rottamazioni (+44%), le radiazioni di autovetture hanno messo a bilancio un’eclatante variazione positiva del 22,8% (+16,9% la media giornaliera), portando in parità il tasso unitario di sostituzione del mese di novembre (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate altrettante) e a 0,90 quello dei primi undici mesi del 2020.

 

In stallo le radiazioni di motocicli, che pur registrando una variazione mensile positiva del 4,8% scendono in terreno negativo in termini di media giornaliera: -0,2%.

 

Nel periodo gennaio-novembre 2020 per le radiazioni si segnalano nel loro complesso decrementi del 16% per le autovetture, del 17,9% per i motocicli e del 16,5% per tutti i veicoli.

 

 

RADIAZIONI E USATO A NOVEMBRE

 

 

RADIAZIONI

PASSAGGI DI PROPRIETA’ (*)

 

NOV ’19

NOV ’20

Var. %

NOV ’19

NOV ’20

Var. %

AUTO

117.435

144.185

22,8

256.856

244.112

-5,0

MOTO

8.742

9.161

4,8

31.985

35.621

11,4

TUTTI I VEICOLI

138.819

166.259

19,8

323.912

316.919

-2,2

Fonte: ACI – Automobile Club d’Italia      (*) Al netto delle minivolture

 


RADIAZIONI E USATO DA GENNAIO A NOVEMBRE

 

 

RADIAZIONI

PASSAGGI DI PROPRIETA’ (*)

 

GEN-NOV 19

GEN-NOV ’20

Var. %

GEN-NOV ’19

GEN-NOV ’20

Var. %

AUTO

1.408.614

1.182.890

-16,0

2.862.048

2.445.171

-14,6

MOTO

106.290

87.249

-17,9

522.077

505.425

-3,2

TUTTI I VEICOLI

1.656.041

1.383.320

-16,5

3.769.281

3.307.600

-12,2

Fonte: ACI – Automobile Club d’Italia      (*) Al netto delle minivolture

 
 

 
 
 
 
 
Maserati e Bosch, insieme per ibrido e sicurezza - Auto.it

TECNOLOGIA BOSCH A BORDO DELLA NUOVA MASERATI GHIBLI HYBRID - IBRIDIZZAZIONE, SICUREZZA E COMFORT SVILUPPATE INSIEME ALLA CASA DI MODENA

  • Ibridizzazione: Bosch fornisce i componenti chiave per il sistema a 48 V
  • Active driving assist: la nuova funzionalità ADAS di Bosch sviluppata per Maserati Ghibli Hybrid

Milano – Per il suo primo modello elettrificato, Maserati ha scelto Bosch come partner tecnologico. La nuova Ghibli Hybrid è infatti equipaggiata con i componenti e le tecnologie Bosch per l’ibridizzazione a 48 V, la sicurezza e il comfort.

I componenti Bosch per l’ibridizzazione
Maserati e Bosch, più sicurezza per le ibride del TridenteLa multinazionale di Stoccarda fornisce i componenti chiave per l’ibridizzazione della nuova Ghibli Hybrid: batteria a 48 V agli ioni di litio, 48 V DC/DC converter e centralina elettronica controllo motore ECU. Questo pacchetto tecnologico contribuisce ad aumentare le prestazioni e a ridurre le emissioni di CO2, recuperando l’energia in decelerazione e ottimizzando l’utilizzo del motore elettrico a supporto del motore termico.

Nello specifico, il lavoro sinergico di entrambi i sistemi di propulsione viene coordinato dalla centralina elettronica controllo motore ECU che contribuisce, tra l’altro, a contenere le emissioni del motore a combustione interna. Il 48 V DC/DC converter, invece, converte l’energia elettrica da 48 V a 12 V, consentendo di alimentare il resto dei dispositivi elettrici del veicolo. Inoltre, garantisce un’ottima efficienza volta a evitare dispersioni di energia. Infine, la batteria a 48 V agli ioni di litio è il componente centrale dei sistemi di propulsione ibridi a 48 V. Un'auto tradizionale disperde energia ogni volta che il guidatore frena. Il Boost Recuperation System (BRS) immagazzina una parte di questa forza frenante nella batteria a 48 V restituendola in seguito quando il guidatore accelera. In questo modo, è richiesta una quantità di carburante inferiore riducendo, di conseguenza, la quantità di CO2 nello scarico e contenendo i consumi.
Bosch ha avviato la produzione di questa tipologia di batterie nel 2018 presso lo stabilimento di Wuxi, in Cina. In poco più di un anno e mezzo ne sono state prodotte oltre 100.000 e, a partire dal 2022, le linee di produzione passeranno da due a quattro. Bosch prevede che, entro il 2025, quasi il 20% delle nuove auto vendute ogni anno in tutto il mondo sarà equipaggiato con sistema a 48 V e batteria abbinata. Per questo, l’azienda si impegna a integrare questa tecnologia in tutte le classi di veicoli per soddisfare i requisiti futuri sulle emissioni e offrire un’ibridizzazione accessibile.Maserati Ghibli Hybrid: la tecnologia e la partnership con Bosch

Il portfolio di Bosch per veicoli ibridi a 48 V comprende componenti altamente efficienti e compatti che possono essere adattati a differenti classi di veicoli. Grazie alla grande expertise sia nello sviluppo del prodotto sia nell'applicazione del sistema, Bosch è in grado di offrire ai propri clienti una gamma completa di prodotti e soluzioni, a seconda delle singole esigenze.Maserati Ghibli Hybrid sviluppata con l'aiuto di Bosch - ClubAlfa.it

I componenti e le funzionalità ADAS di Bosch
Anche la sicurezza e il comfort di Maserati passano da Bosch. L’azienda tedesca, infatti, ha sviluppato per la nuova Ghibli Hybrid e l’intera gamma MY21, la funzionalità ADAS di active driving assist, oltre a quelle già presenti di adaptive cruise control, autonomous emergency braking, lane keeping assist e active blind spot assist. La logica di questi sistemi è resa possibile principalmente dall’azione combinata di componenti chiave Bosch come il sensore radar a lungo raggio, il sistema elettronico di stabilità (ESP) e lo sterzo elettrico (EPS).

L’active driving assist rappresenta l’evoluzione del sistema highway assist già fornito da Bosch alla gamma Maserati fin dal 2018. L’ultimo sistema che equipaggia la nuova Maserati Ghibli Hybrid si avvale del sensore radar a lungo raggio Bosch e combina le tecnologie adaptive cruise control e lane centering, regolando velocità, accelerazione, frenata e sterzo del veicolo. Grazie all'integrazione intelligente delle due tecnologie e attraverso l'ottimizzazione del controllo laterale (tramite lo sterzo elettrico Bosch) e longitudinale (tramite il sistema elettronico di stabilità Bosch che a sua volta si interfaccia con la centralina controllo motore Bosch) della marcia in corsia, la tecnologia Bosch rende possibile una guida parzialmente autonoma (livello SAE 2) sia in rettilineo sia in curva.

La novità della tecnologia Bosch rende non più indispensabile il segnale GPS per localizzare il veicolo all’interno di strade a scorrimento veloce e quindi consente di essere attivata non più solamente in autostrada. Il sistema sviluppato dalla multinazionale tedesca è progettato, infatti, per funzionare su qualsiasi tipologia di strada (urbana, extraurbana e autostrada) da 0 a 145 km/h. Il veicolo segue automaticamente il mezzo che lo precede in carreggiata a velocità e distanza di sicurezza: se il veicolo davanti procede più lentamente, il sistema riduce proporzionalmente la velocità, se il veicolo invece accelera o cambia corsia, il sistema accelera automaticamente alla velocità impostata dal guidatore. Inoltre, attraverso il riconoscimento delle linee di demarcazione della corsia e l'intervento automatico sullo sterzo elettrico Bosch, il veicolo è in grado di mantenere sempre il centro della corsia, anche in curva. Nonostante il sistema supporti la guida in maniera parzialmente autonoma, il guidatore rimane responsabile del veicolo e deve supervisionare il sistema acquisendo, se necessario, il completo controllo del mezzo.Guida parzialmente autonoma Bosch highway assist su Maserati MY 2018

Infine, per i modelli Maserati, inclusa la nuova Ghibli Hybrid, Bosch ha sviluppato l’integrated vehicle dynamics control (IVC), una funzione integrata nel sistema ESP. Tale funzione permette di esaltare le prestazioni di guida su pista, facilitando la manovrabilità del veicolo pur manentendo il controllo di stabilità attivo. L’integrated vehicle dynamics control è stato calibrato sia in bassa aderenza sia in alta aderenza in stretta collaborazione con Maserati.

 

GIULIA GTA, NELLE PAROLE DEI SUOI CREATORI

·         Alfa Romeo Giulia GTAm: sognando la versione coupè da 540 CVIn un breve documentario, gli ideatori del progetto #giuliagta raccontano la rinascita di un'icona Alfa Romeo.

·         Dedicato ai fan dell'Alfa Romeo, il video è un tributo alla cultura, alle prestazioni, al design e al 'saper fare' italiani incarnati dalla #giuliagta.

Alla fine di un anno che celebra il 110 °  anniversario della fondazione del brand, Alfa Romeo hanno creato un documentario per raccontare i retroscena della creazione del #giuliagta, le migliori prestazioni Sports Saloon mai prodotte da Alfa Romeo. Una supercar da guidare su strada e in pista, un regalo per ogni appassionato di Alfa Romeo e di benzina in generale.

Arnaud Leclerc - Head of Alfa Romeo EMEA, Klaus Busse - Head of Design EMEA, e Fabio Migliavacca - Head of Product Marketing EMEA condividono le emozioni vissute durante la pianificazione della celebrazione di una vera icona Alfa Romeo. Dai primi schizzi, fino a metterla finalmente in strada, parlano di com'è stato sviluppare, progettare e produrre un'auto così simbolica della cultura italiana, delle prestazioni, del design e del "saper fare" italiano. .Alfa Romeo Giulia: torna la GTA

Insieme alla versione GTAm ('m' per 'modificato'), la #giuliagta - di cui ne verranno realizzati solo 500 - è un ritorno alle origini dell'Alfa Romeo e un omaggio a uno dei suoi modelli più emblematici. La #giuliagta 1965 , la “Gran Turismo Alleggerita”, è stata sviluppata da Autodelta e basata sulla Giulia Sprint GT, che ha poi collezionato successi sportivi in ​​tutto il mondo. Alfa Romeo Giulia GTA, con Alcantara i nuovi interni - Componenti & Tech -  ANSA.it

La #giuliagta ha beneficiato della partnership di lunga data con Sauber Group AG, facendo leva sulla conoscenza delle sue divisioni di ingegneria e aerodinamica. Il Gruppo Sauber vanta 50 anni di esperienza nel motorsport, di cui 27 in F1, accumulando un'esperienza inestimabile nella progettazione e nell'uso della fibra di carbonio, nonché una conoscenza avanzata dell'aerodinamica. Con la propria galleria del vento, a Hinwil, Svizzera, Sauber Engineering è stata incaricata della produzione della maggior parte dei componenti in fibra di carbonio di GTA e GTAm, in particolare quelli a impatto aerodinamico, tra cui i nuovi paraurti anteriori, minigonne laterali, diffusore , lo spoiler del GTA e l'aerowing del GTAm. Il risultato è un'auto da togliere il fiato sia dal punto di vista estetico che da quello prestazionale, con grandi prese d'aria anteriori e uno spoiler posteriore regolabile in fibra di carbonio. Il motore della Giulia GTAm è basato sull'Alfa Romeo V6 Bi-Turbo da 2,9 litri, realizzato interamente in alluminio. È stato adattato per sprigionare 540 CV che portano l'auto da zero a 100 km / h, grazie al sistema Launch Control, velocissimo in soli 3,6 secondi.Alcantara sale a bordo di Alfa Romeo Giulia Gta - Il Sole 24 ORE

 

 

SEAT: 800 ore al buio per testare le luci della nuova Leon800 ORE AL BUIO PER TESTARE LE LUCI DELLA SEAT LEON

·         Alqueva, in Portogallo, una delle zone più buie d'Europa, è il luogo ideale per testare le LUCE sviluppate dal #Seat Lighting Team

·         Ci sono volute 800 ore al buio per testare i fari e le luci posteriori della nuova Leon

·         La loro tecnologia 100% #led apre nuove possibilità agli ingegneri in termini di sicurezza, comfort e design

·         L'arco avvolgente degli interni #LIGHT , una sfida tecnologica che incorporerà nuove funzioni entro la fine dell'anno

La riserva Dark Sky Alqueva in Portogallo è un luogo unico in Europa per osservare nebulose e costellazioni, come Orione. È un regno di oscurità dove gli ingegneri del team #Seat Lighting si sentono come a casa. Nelle zone più buie del pianeta monitorano il comportamento di altri tipi di costellazioni, quelle che compongono i fari e le luci posteriori che sviluppano per modelli come il #Seat #leon . "Qui abbiamo verificato ancora una volta che l'ILLUMINAZIONE che abbiamo progettato per la quarta generazione si adatta perfettamente alla strada grazie alla portata e all'ampiezza dei fasci dei proiettori e al contrasto e alla definizione dei fari posteriori" spiega Carlos Elvira, responsabile dell'illuminazione e Sviluppo della segnalazione presso #Seat  .SEAT: 800 ore al buio per testare le luci della nuova Leon

Una costellazione di 340 LED . La tecnologia Full #led ha aperto nuove possibilità agli ingegneri, sia in termini di design che di sicurezza e comfort. "Ci consente di avere molta più #LIGHT su una superficie molto più piccola e quindi di lavorare con essa in modo molto più efficiente",  afferma Magnolia Paredes, responsabile dello sviluppo dell'illuminazione elettronica presso #Seat . È stata anche una grande sfida. "È il risultato di un grande sforzo di sviluppo perché, trattandosi di una sorgente #LIGHT composta da un componente elettronico, abbiamo dovuto introdurre dei driver per controllare tutti gli elementi di ILLUMINAZIONE"  spiega Carlos.Seat Leon, disegnata dalla luce - Mondo Auto - AutoMoto

800 ore al buio . Il team di ingegneri ha lavorato per circa 2.500 ore alla progettazione dei gruppi #Seat #leon #LIGHT di quarta generazione . E per altre 800 ore li hanno testati al buio, sia nel tunnel ottico, che ricrea le condizioni di guida notturna, sia sulle strade ai quattro angoli del mondo. “Per noi testare in climi estremi è essenziale; nelle zone calde per testare il funzionamento dell'elettronica e al freddo per confermare la distribuzione di #LIGHT sugli accumuli di ghiaccio ”  dice Carlos mentre posiziona dei marker sul bordo di una delle strade della zona, lasciando un metro tra di loro . Con questo test attestano che un anabbagliante ha la portata desiderata, in questo caso 70 metri. 

Illuminando la strada . In aggiunta alla sua potenza e una maggiore flessibilità in cui, come e quando dirigere il #LIGHT fascio, #led #LIGHT stand, per essere molto più bianco di precedenti tecnologie di illuminazione. Con una temperatura del colore di 5.000 gradi Kelvin è molto più vicino a quella dello spettro solare. "Questo rende possibile identificare meglio la forma e il colore degli oggetti che incontri per strada di notte, anche in zone buie come Alqueva, e questo ti consente di anticipare qualsiasi circostanza che possa verificarsi", dice Magnolia.   

Reazione LED . Una delle chiavi per migliorare la sicurezza al volante è la rapida reazione di questa tecnologia di illuminazione. Un diodo #led risponde 150 millisecondi più velocemente di una lampadina a incandescenza. Ciò significa che, ad esempio, quando si guida a 120 km / h, il conducente dietro di te può vedere il tuo freno #LIGHT cinque metri prima. E all'interno dell'auto, l'arco che illumina la parte superiore del cruscotto è associato anche a un'importante funzione di sicurezza. "I segnali luminosi sono combinati con segnali acustici per avvertire, ad esempio, che una portiera non è chiusa correttamente o che un veicolo si sta avvicinando da dietro mentre ti prepari a scendere dall'auto", spiega Magnolia.   

Innovazione costante . Per i due ingegneri, l'arco avvolgente di #LIGHT negli interni è una delle massime espressioni della svolta che rappresenta la tecnologia #led. "È stata una grande sfida per i nostri programmatori ottenere il massimo risultato funzionale",  afferma Carlos. Non solo è personalizzabile, adattando il colore all'umore del guidatore, ma svolge anche un'importante funzione di sicurezza, avvisando di una porta non correttamente chiusa o di un'altra auto che si avvicina da dietro mentre ti prepari per uscire. E nuove funzionalità verranno aggiunte entro la fine dell'anno. "La #LIGHTL'intensità aumenterà man mano che acceleri per renderti più consapevole della velocità e se viaggi con bambini e attivi le serrature di sicurezza sulle porte posteriori, si #LUMINERANNOdi rosso se provano ad aprirle ”  dice Carlos.SEAT: 800 ore al buio per testare le luci della nuova Leon

 

 

LANCIA YPSILON FESTEGGIA 35 CANDELINE E TRE MILIONI DI VETTURE E PER CELEBRARE IL SUO COMPLEANNO PRESENTA “YPSILON DREAMERS”

·Lancia Ypsilon, la storia - Auto Story - Icon Wheels  Ѐ la #fashion #citycar per eccellenza, elegante, originale e chic. Dal 1985, anno del suo debutto al Salone di Ginevra come Y10, Ypsilon ha conquistato il cuore di tre milioni di clienti.

·  Con il progetto “Ypsilon Dreamers” Ypsilon vuole festeggiare il suo trentacinquesimo compleanno con la Community Lancia, al fianco delle tantissime donne che l’hanno scelta come compagna per raggiungere i propri traguardi e realizzare i propri sogni.

·  Ypsilon, nei primi undici mesi dell’anno, è la seconda vettura più venduta del mercato (dopo la Panda) ed è stabilmente leader nel segmento B. 

Ypsilon, la #fashion #citycar di Lancia, con il suo stile unico e raffinato da 35 anni è protagonista della mobilità urbana oltre a essere un vero e proprio status symbol fin dall’anno del suo esordio, il 1985, al Salone dell’Automobile di Ginevra. “Un’ammiraglia formato bonsai” la definirono i giornali, perché mai, prima di allora, si era vista un’utilitaria così elegante e ricca di dotazioni di livello superiori al suo segmento di riferimento. Stile ricercato, cura dei dettagli, rivestimenti in tessuti pregiati e dotazioni da berlina, da trentacinque anni fanno di #lanciaypsilon la #citycar dei desideri sia del pubblico femminile, che la sceglie perché affine al proprio gusto e look, sia di quello maschile, che la predilige come seconda #auto per muoversi agevolmente in città, senza dover rinunciare a stile ed eleganza. 

E nell’anno del trentacinquesimo compleanno #lanciaypsilon è diventata ancora più attenta all’ambiente, con lo stile e l’eleganza che da sempre la contraddistinguono: la #fashion #citycar ha infatti celebrato 3.000.000 di unità con il lancio della nuova Ypsilon Hybrid EcoChic, l’ibrido in stile Lancia che risponde alle nuove esigenze di mobilità urbana. Dopo le motorizzazioni alternative GPL e metano che hanno decretato il successo della famiglia Ecochic, oggi la #citycar di Lancia si mostra più contemporanea e sostenibile.Lancia Ypsilon, la storia - Auto Story - Icon WheelsSpot Y10 con Gerry Scotti - YouTube

Una strategia vincente come racconta Luca Napolitano, Head of EMEA Fiat, Lancia and Abarth Brands: «Sono tre milioni le unità di Ypsilon vendute fino ad oggi a testimoniare come la nostra #fashion #citycar rappresenti un prodotto ricercato e desiderato. Ypsilon è l'auto più venduta del segmento B e, nei primi undici mesi di quest’anno, ha stabilito un ulteriore primato: è la seconda vettura più venduta del mercato, dopo la Panda. Inoltre, proprio grazie a Ypsilon Hybrid Ecochic, insieme a 500 e Panda Hybrid, siamo riusciti con 100.000 unità a conquistare la leadership del segmento delle ibride! Sono orgoglioso di questi risultati e, con le novità che arriveranno, sono certo che proseguiremo il trend positivo di crescita». Autobianchi Y10 - Wikipedia

Per celebrare questi traguardi #lanciaypsilon dedica al suo pubblico “Ypsilon Dreamers”, il progetto digital nato per festeggiare insieme trentacinque candeline e tre milioni di veicoli. La #fashion #citycar vuole essere nuovamente al fianco delle donne che l’hanno scelta in questi anni come compagna di ogni traguardo raggiunto e sogno realizzato: con “Ypsilon Dreamers” si vuole invitare la Community a condividere con Lancia i successi raggiunti e quelli da raggiungere. Per farlo, si chiede alle utenti di pubblicare attraverso i propri canali una o più foto con l’hashtag #YpsilonDreamers in cui saranno immortalati momenti belli e importanti come il conseguimento di una laurea, o un colloquio di lavoro superato, la prima casa, ma anche la maternità come gioia di una nuova vita, o ancora un selfie carico di orgoglio per una scommessa su se stesse, o il prossimo viaggio che si sta pianificando accompagnate dalla propria Ypsilon. I racconti più originali ed emozionanti verranno scelti per un video che sarà messo online sui canali web di Lancia.
Il progetto ha visto anche la scelta da parte del brand di una testimonial davvero speciale: si chiama 
#giuliacarlabassani, ma i follower la conoscono con il suo nickname, @astro_giulia. Giulia, classe 1999, fin da piccola sognava di fare l’astronauta e negli anni ha sempre coltivato il suo desiderio. Oggi, è una studentessa di ingegneria aerospaziale e ricercatrice associata al Blue Marble Space Institute for Science con cui sta lavorando a un progetto internazionale di ricerca relativo alle future missioni umane su Marte, ma è anche una scrittrice - è al suo secondo romanzo di fantascienza – ed è stata per un anno la coordinatrice nazionale della Moon Village Association, l’associazione del Villaggio lunare, che ha l’obiettivo di portare gli astronauti a vivere in una base lunare per lunghi periodi.
«Aver coraggio può portarti tra le stelle» è il motto di @astro_giulia, un pensiero positivo che racchiude in sé esattamente il messaggio che Lancia vuole comunicare alle donne: “punta alla luna, mal che vada cadrai tra le stelle”. 

Storia di uno stile originale e chic

Ripercorrere la storia e i successi di Ypsilon vuol dire ritornare a quel 1985 quando debutta al Salone di Ginevra la Y10, disegnata dal Centro Stile Fiat con l’obiettivo di dare al pubblico un’alternativa elegante alle #citycar del segmento B. La Y10 appare subito sofisticata e chic, la prima utilitaria di lusso capace di attirare, in particolare, le attenzioni del pubblico femminile. 

In dieci anni se ne vendono un milione di esemplari e nel 1995 arriva la sua erede, la #lanciaypsilon. Al pari della progenitrice, anche la nuova piccola Lancia si contraddistingue per uno stile chic e originale e per una cura dei particolari identica a quella di un outfit attento ai dettagli.  La sua innata classe, la sua forte identità e la capacità di anticipare le tendenze hanno permesso, per la prima volta a una #citycar, di uscire dall’automotive per entrare da protagonista nel mondo della moda, del cinema e dell’arte. 

Si arriva poi al 2003 con il debutto della terza generazione che vede #lanciaypsilon diventare sempre più lussuosa e sofisticata al pari di vetture di segmenti superiori. 

Lo stesso avviene nel 2011 quando il testimone viene raccolto dalla quarta generazione che continua ad affascinare con il suo stile sofisticato e la sua classe anticonvenzionale, ma cresce e si fa più trasversale. Infatti, per la prima volta, Ypsilon viene proposta con cinque porte per accogliere con maggiore comodità gli amanti dello charme e dell'unicità stilistica Lancia. 

Il 2015 per Ypsilon è l’anno del Model Year: la #fashion #citycar si presenta con esterni e interni rivisitati, e motorizzazioni Euro 6 brillanti ed ecologiche, confermando la propria vocazione di “trendsetter” nel segmento. Inoltre, si rinnova per diventare ancora più elegante e sofisticata, offrendo accuratezza nei dettagli, distintività nella scelta dei materiali e attenzione al #design in tutti e tre gli allestimenti disponibili al lancio: Silver, Gold e Platinum. 

Contemporaneità vuol anche dire fare scelte sostenibili: nel 2009 è stato lanciato il distintivo badge EcoChic, un brand all’interno del brand, che da quel momento ha contraddistinto le versioni di #lanciaypsilon GPL e poi metano, con il motore 0.9 70 cv Twinair, capaci di abbinare economicità con l’eleganza e il piacere di guida in perfetto stile Ypsilon, con un impatto ridotto su consumi ed emissioni rispetto alla versione 1.2 benzina. E non si è trattato di esperimenti o prodotti di nicchia, dal momento che le motorizzazioni metano e GPL sono arrivate a rappresentare oltre il 35% del mix di vendita. 

L’attenzione all’ambiente non si è fermata. Anzi, l’anima più sensibile di Ypsilon si è manifestata in tutta la sua bellezza contemporanea a maggio 2020, con l’esordio della Ypsilon Hybrid EcoChic, disponibile nelle versioni Silver, Gold e nell’esclusiva serie speciale Maryne, che adotta la nuova motorizzazione Mild Hybrid con motore a benzina Firefly 3 cilindri da 1 litro e 70 CV (51,5 kW), abbinato a un motore elettrico BSG (Belt integrated Starter Generator) da 12 volt e una batteria al litio. Per chi la sceglie, consumi ed emissioni di CO2 abbattuti sino al 24%, oltre a tutti i benefici fiscali e di circolazione nei centri abitati riservati ai veicoli ibridi, in base alle normative locali. Tutto questo con la massima semplicità, senza dover modificare le abitudini o lo stile di guida. 

Il segreto di Ypsilon è anticipare mode e tendenze e saper mixare alla perfezione eleganza e contemporaneità. Lo sanno bene i designer del Centro Stile che in 35 anni hanno dato vita a 30 serie speciali: dalle primissime Y10 Fila, Martini e Missoni alla Ypsilon Momo #design, dalla Elefantino alla Elle, passando per la Dodo, la Versus fino alle più recenti Ypsilon 30th #anniversary, Unyca, Mya, Black&Noir e Monogram. Un rinnovamento continuo senza mai tradire il proprio DNA: oltre il 20% delle Ypsilon vendute dal 2011 a oggi è rappresentato da edizioni speciali. Y10Club-1-Fila

Altro aspetto dell’immutabile successo dell’urban car di Lancia è legato indissolubilmente al rapporto strettissimo con il pubblico femminile: da 35 anni Ypsilon è nel cuore delle donne italiane, che rappresentano il 70 per cento di chi la sceglie. La #fashion #citycar ha saputo creare con le donne un dialogo intimo e complice: è diventata l’amica a quattro ruote con la quale fare shopping, accompagnare i figli a scuola, andare a un appuntamento di lavoro ma anche partire per un weekend. Il suo stile contemporaneo ed elegante è stato capace di conquistare un target molto ampio di donne: dalla Elefantino dedicata a un pubblico giovane e neopatentato, alle versioni Gold per una donna più chic, fino alla ricercatezza della Monogram dedicata a una donna sofisticata. Ma questo non esclude l’attenzione di #lanciaypsilon anche verso il pubblico maschile, che rappresenta comunque il 30% dei clienti: basti pensare al successo che ha ottenuto la serie Momo #design e alle ricche dotazioni tecnologiche di oggi che ne fanno un vero e proprio oggetto di #design oltre che un’auto sempre all’avanguardia. 

Anche il mondo dello spettacolo e del cinema sono ambiti nei quali Ypsilon si è sempre mossa con disinvoltura: il suo essere “l’auto che piace alla gente che piace” - così recitava il claim dello spot nella seconda metà degli Anni Ottanta e che divenne subito un tormentone - regala grande visibilità a questa #citycar di lusso, che si distingue da tutte le altre vetture del segmento B. Attrici come #carolalt ed #eleonorabrigliadori,  attori come #giulianogemma e #sergiocastellitto, il regista #gianniboncompagni, il presentatore #gerryscotti, la modella #evaherzigova, fino ai più recenti #stefanogabbana#vincentcassel e #kasiasmutniak sono alcuni dei tanti personaggi scelti come testimonial delle campagne pubblicitarie. Nuova Ypsilon Hybrid | Offerte Auto Ibride | Lancia

E oggi, con il progetto “Ypsilon Dreamers” la #fashion #citycar ha ancora tanta voglia di percorrere un pezzo di strada e di vita insieme a chi l’ha scelta. Buon compleanno Ypsilon!
Nuova Ypsilon - La city car Lancia Ypsilon si rinnova | Lancia

 

 

 

Mazda CX-30, raid di 800 km lungo la Via della Seta - Mondo Auto - AutoMotoLA CX-30 ATTRAVERSA IL KAZAKISTAN GRAZIE AL SISTEMA I-ACTIV AWD

·         Il sistema di trazione integrale (AWD) i-Activ di #mazda agisce per offrire capacità ed efficienza dinamica in tutte le condizioni

·         L'ultimo film dei #mazda Epic Drive mette in risalto gli oltre 800 chilometri di viaggio della CX-30 attraverso il #kazakistan orientale

Nell'anno del suo centesimo anniversario, l'ultima impresa della Casa di Hiroshima in fatto di #viaggi ha messo alla prova la #mazda CX-30 e il suo sistema di trazione integrale i-Activ con un percorso di oltre 800 chilometri attraverso il #kazakistan orientale fino al confine con la Cina, affrontando tratti della leggendaria rotta commerciale della Via della Seta per vivere l'arida bellezza della remota Asia centrale.
 
Effettuata all'inizio di quest'anno prima delle restrizioni dovute al Covid-19, quest'ultima spedizione 
#mazda fa seguito all'esclusivo evento siberiano del 2018, quando #mazda è diventata il primo Costruttore ad attraversare il Lago Baikal con #auto di serie, creando con le CX-5 una nuova rotta attraverso la sua superficie ghiacciata ed evidenziando ancora una volta le doti del sistema di trazione integrale i-Activ #mazda.
Mazda CX-30, il test della Suv dal Kazakistan alla Cina - Patentati 
La passione di 
#mazda nell'usare i #viaggi come sfida per l'uomo e per la vettura è forte oggi come lo era nel 1936, quando un gruppo di pionieri decise di dimostrare la robustezza del primo veicolo #mazda: l'autocarro a tre ruote battezzato Mazda-Go. In quel primo esempio della volontà di #mazda di misurarsi con tracciati difficili, cinque esemplari di Mazda-Go (dei tipi KC e DC) partirono dalla punta più meridionale dell'isola principale del Giappone e dimostrarono le doti della Mazda-Go lungo 2.700 chilometri di sentieri polverosi, fangosi e impervi, arrivando a Tokyo 25 giorni dopo. La conseguente pubblicità incrementò significativamente le vendite e fece crescere l'immagine dell'Azienda, cosa che #mazda ha puntato a ripetere con le successive spedizioni epiche.
Operazione Epic Drive: in Kazakistan con la Mazda CX-30 
Nel 1977 per promuovere la 
#mazda 323 di prima generazione, una coppia di 323 hatchback affrontò il viaggio di 15.000 miglia da Hiroshima a Francoforte, per arrivare al Salone dell'Auto tedesco dove il modello avrebbe debuttato. Incredibilmente, in piena Guerra Fredda, le due 323 attraversarono l'Unione Sovietica, affrontando strade dissestate e condizioni proibitive per evidenziare l'affidabilità della nuova berlina ancor prima che fosse messa in vendita. La famosa spedizione del 1977 è stata ripresa nel 1990, quando sei veicoli #mazda (626, 323 e furgoni E2200) da Hiroshima sono arrivate sino al quartier generale #mazda di Leverkusen in Germania, questa volta attraverso una Unione Sovietica in dissolvimento. Mentre nel 2013, stavolta con dei giornalisti alla guida delle #auto, diverse Mazda3 di terza generazione hanno ripetuto l'escursione dalla fabbrica al Salone di Francoforte, attraversando Russia, Bielorussia e Polonia.
Con Mazda CX 30 un' avventura offroad sulla via della seta 
Ispirati da queste spedizioni e dalle prove pubbliche dei veicoli, gli eventi 
#mazda Epic Drive consentono di sperimentare strade impegnative, scenari incredibili e avventure uniche al volante di una #mazda. Che si tratti di lambire l'Islanda su una MX-5, di assaporare con una Mazda2 l'asfalto tortuoso e la vulcanica bellezza delle isole Azzorre in mezzo all'Atlantico, o di esplorare le meraviglie dell'ingegneria stradale estrema attraverso tunnel, ponti e passi di montagna in Norvegia, i moderni #mazda Epic Drive offrono incredibili #viaggi, e allo stesso tempo mettono in evidenza l'ingegneria e le vetture incentrate su chi guida per cui #mazda è celebre.
Mazda CX-30 in Kazakistan | Foto Motor1.com 
Come la traversata del Lago Baikal del 2018 con le CX-5, il 
#mazda CX-30 Epic Drive del 2020 in #kazakistan ha permesso una dimostrazione perfetta del sistema di trazione integrale i-Activ #mazda. Realizzata sulla nuova generazione dell'architettura Skyactiv-Vehicle #mazda, l'evoluta trazione i-Activ AWD della CX-30 lavora in sintonia con il G-Vectoring Control (GVC) per gestire la distribuzione della coppia tra le ruote anteriori e posteriori, così da offrire un'esperienza di guida ancora più coinvolgente.
Watch the Mazda CX-30 Drive Across Kazakhstan! 
Grazie al sistema di controllo di nuova concezione e alle tecnologie per ridurre gli attriti, il sistema i-Activ AWD di 
#mazda offre una marcia raffinata e stabile in qualsiasi situazione, ottenendo anche consumi di carburante nell'uso quotidiano quasi pari a quelli di una trazione anteriore. L'evoluto sistema di trazione integrale di #mazda aggiunge il rilevamento del "carico verticale sulle quattro ruote" e funziona in sintonia con il GVC (G-Vectoring Control) per controllare la distribuzione della coppia tra le ruote anteriori e posteriori, migliorando la trazione e l'aderenza indipendentemente dallo scenario di marcia. Il sistema consente anche di ridurre in modo significativo le perdite meccaniche nel loro complesso e contribuisce a migliorare i consumi.
Mazda CX-30 AWD Traverse Kazakhstan In Epic Fashion - Automacha
Le nuove tecnologie adottate per la riduzione degli attriti comprendono uno smorzatore in gomma interno alla presa di moto che riduce notevolmente le fluttuazioni della coppia trasmessa in ingresso alla trazione posteriore, e un nuovo settaggio che applica una leggera differenza nel tasso di decelerazione tra presa di moto e differenziale posteriore. Regolando rapidamente la distribuzione della coppia solo quando è necessario, il sistema offre sempre la risposta più adeguata e una reale riduzione dei consumi effettivi. Il differenziale posteriore riduce le perdite meccaniche con l'adozione di cuscinetti a sfera e usando un olio a bassa viscosità, insieme a una configurazione per cui l'olio viene immagazzinato nella parte superiore e fornito solo nella quantità necessaria dove e quando richiesto. Agendo in combinazione, queste misure aumentano la precisione della centralina AWD mentre riducono significativamente le perdite meccaniche complessive.
 
All'ingresso di una curva, il sistema AWD mantiene la distribuzione di coppia esistente fra anteriore e posteriore, per favorire una migliore risposta in curva attraverso il controllo della coppia motrice da parte dell'unità GVC. Dopo l'ingresso in curva, il sistema AWD aumenta gradualmente la coppia inviata alle ruote posteriori per realizzare una sterzata neutra e un movimento più stabile del veicolo. L'abbinamento con il GVC migliora di fatto anche la risposta della coppia posteriore e la linearità rispetto all'intervento sull'acceleratore del conducente. In accelerazione, viene distribuita maggiore coppia alle ruote posteriori, mentre in decelerazione viene aumentata verso le ruote anteriori, massimizzando le prestazioni di trazione di tutte e quattro le ruote. Questo migliora anche la controllabilità, quindi il veicolo risponde fedelmente alle intenzioni del conducente quando interviene sul volante.

Foto Mazda CX-30, il test della Suv dal Kazakistan alla Cina 06 - Patentati 
Essendo un sistema di trazione integrale progettato per offrire flessibilità nell'uso quotidiano, il percorso di oltre 800 chilometri del Kazakhstan Epic Drive ha offerto un vero mix di condizioni di marcia per metterlo alla prova insieme alla CX-30: dalle vie cittadine alle moderne strade a doppia corsia, dalle strade asfaltate ai sentieri sterrati fuoristrada, questo tracciato proponeva di tutto. 
 
Partendo da Almaty, la città più grande del 
#kazakistan situata su un altopiano all'ombra della catena montuosa Trans lli Alatau nel sud del #kazakistan vicino al confine con il Kirghizistan, le CX-30 hanno lasciato il moderno centro cittadino affrontando caotici ingorghi lungo la strada per uscire dalla tentacolare città e si sono avviati sulla moderna autostrada A3 in direzione del Parco Nazionale di Aityn Emel. Qui le CX-30 hanno lasciato le strade asfaltate per quelle sterrate in un viaggio polveroso e impegnativo verso la famosa Singing Dune. Sebbene non sia un vero e proprio fuoristrada, il sistema AWD della CX-30 ha assicurato un'eccellente trazione sulle strade con poco grip del Parco Nazionale del Kazak.
 
Dai 150 metri della splendida Singing Dune (letteralmente la duna che canta) - così chiamata per il modo in cui i venti e le sabbie mobili creano un suono inquientante quasi simile a un coro - il percorso è uscito dalle pianure sub-desertiche dai cammelli vaganti verso la città di Zharkent, che si trova a tiro del confine cinese, all'estremità sud-orientale di questo vasto paese. Il secondo giorno il percorso del Kazakhstan Epic Drive ha portato le 
#auto a sud verso il Charyn Canyon e su strade sterrate più impegnative attraverso una serie di incredibili canyon che sembrano stranamente parenti delle terre selvagge del Nevada, ma si trovano nel cuore della remota Asia centrale. Dopo di che il percorso si è diretto a ovest verso Almaty costeggiando il vasto bacino idrico di Kapshagay.
 
Le 
#mazda CX-30 hanno completato con facilità il #kazakistan Epic Drive, dimostrando l'adattabilità del più recente SUV #mazda e le doti del sistema i-Activ AWD. Per provare virtualmente la #mazda CX-30 #kazakistan Epic Drive, si può vedere l'intera esperienza in un impressionante film e la selezione completa delle immagini di questo incredibile viaggio disponibili sul portale stampa.
 
Su tutta la gamma dei SUV 
#mazda CX-30 e #mazda CX-5 e della Mazda3 hatchback, la trazione integrale i-Activ di #mazda offre la sicurezza e la tranquillità dell'aderenza delle quattro ruote motrici quando le condizioni lo richiedono, insieme all'efficienza nei consumi e a un migliore coinvolgimento nella guida.

 

Bentley News 2019: BENTLEY TEAM BLOWER DEL 1929 RINASCE BENTLEY LA PRIMA NUOVA BENTLEY BLOWER DA 90 ANNI Comunicato Stampa disponibile solo in lingua originale. Bentley Mulliner completa il primo prototipo della #blower Continuation Series 'Car Zero' fa il suo debutto come primo nuovo #blower dal 1930 Primo esempio della prima serie di continuazione prebellica al mondo Quasi 2.000 parti progettate individualmente e realizzate a mano 40.000 ore investite nel design e costruzione di Car Zero Realizzato interamente a mano da disegni e attrezzature originali, utilizzando un team di tecnici interni e fornitori britannici esterni Dati forniti da un modello CAD 3D scansionato al laser della Team Car sovralimentata da 4½ litri di Bentley guidata da Sir Henry 'Tim' Birkin Car Zero ora inizierà un ampio programma di test e durata, inclusa una corsa alla velocità massima di 12 auto dei clienti da seguire - tutte pre-vendute e specificate (Crewe, 9 dicembre 2020) Dopo 40.000 ore di lavoro, #bentley Mulliner ha completato oggi il primo nuovo #bentley #blower in 90 anni, con la consegna di Car Zero, il prototipo dell'auto per la #blower Continuation Series.

Bentley Blower, novanta anni fa la ricerca della velocità Questa serie altamente esclusiva di 12 auto dei clienti - tutte pre-vendute - sarà realizzata a partire dai disegni di progetto e dalle maschere di attrezzaggio utilizzate per i quattro soffiatori originali costruiti e guidati da Sir Henry "Tim" Birkin alla fine degli anni '20. Nello specifico, la Team Car di Bentley (Chassis HB 3403, motore SM 3902, registrazione UU 5872 - Team Car # 2) ha fornito il modello principale per la serie Continuation, con ogni singolo componente scansionato al laser come parte di un wheel-up, simpatico restauro.1308 Bentley Blower 4.5 Litre 1930 Green Zero Paints -1308 Da questi dati, 1.846 singole parti sono state progettate e realizzate a mano per creare il nuovo #blower. 230 di quelle parti sono in realtà assemblaggi - uno dei quali è il motore - portando il conteggio totale delle parti a diverse migliaia quando sono inclusi i fissaggi e le parti di rivestimento interno. Ciascuna di queste parti e assiemi è stata creata da un team di progetto di ingegneri, artigiani e tecnici #bentley Mulliner che lavorano insieme a numerosi specialisti e fornitori britannici. Blower Car Zero è un prototipo di test e sviluppo dedicato, costruito in anticipo rispetto alle 12 auto dei clienti, e sarà sottoposto a mesi di test di durata e prestazioni. Rifinito in nero lucido, con interni in pelle rosso sangue di Bridge of Weir, Car Zero ha fatto il suo debutto oggi per celebrare ufficialmente la creazione del nuovo campus #bentley Motors a Crewe. Reso possibile dalla chiusura di Pyms Lane - indirizzo di Bentley dal 1946 - il campus estende la sede di Bentley a una nuova impronta ampliata. SERIE BENTLEY BLOWER CONTINUATIONIl presidente e amministratore delegato di #bentley Motors, Adrian Hallmark, ha avuto l'onore di guidare Car Zero lungo la Pyms Lane per celebrare l'occasione e commenta: Bentley Blower Car Zero - 12 esemplari realizzati a mano - ReportMotori.it"Oggi è stata una giornata davvero straordinaria, non solo come pietra miliare nel progetto #blower Continuation Series ma anche per #bentley Motors. Guidare il primo nuovo #blower in 90 anni è stato un privilegio e la qualità dell'auto renderebbe orgoglioso lo stesso Sir Tim Birkin. La maestria è squisita e sono lieto di annunciare che l'auto marcia meravigliosamente come la nostra originale Team Car. “È stato anche significativo poter guidare il nuovo #blower lungo Pyms Lane, ora parte del nostro sito principale mentre ci espandiamo per creare il nuovo campus #bentley. Investire nella nostra sede centrale è vitale sia per il futuro di Bentley che per Crewe, e i nostri nuovi sviluppi ed edifici sono una manifestazione fisica dell'entusiasmante futuro davanti a noi mentre iniziamo il nostro viaggio per diventare il leader mondiale nella mobilità di lusso sostenibile ". La #blower Continuation Series è l'abete
Interview: Bentley boss Adrian Hallmark on his electric shock

 

TALENT SCOUT MODELS & ARTIST

 

  modelle di alta moda roma e patrizia pierbattista
THE WORLD DE STUDIOPR
CERCA NUOVI VOLTI DI NUOVE
MODELLE/I CASTING
PER INFO
PHONE: +393288862722
CONTACT +393288862722
 
 

STAFF/THE WOGUE.NET

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy