PUBBLICITA'

www.bebarcoantico.it
BEBARCOANTICO ASCOLI PICENO
  PUBBLICITA' CHIAMA SUBITO! 3288862722 THE WOGUE.NET STUDIOPR
L'OREAL SUBLIME SUN NEW!!!!!sanpellegrino aranciata amare che rinfresca nelle giornate calde!
 NEW ENTRY
 
OFFERTA THE WOGUE.NET PUBBLICITA'
 

Youreporter/Vimeo

you reporter.it/the wogue.net VIMEO THE WOGUE.NET
 
 pintarest patrizia pierbattista the wogue.net patrizia pierbattista tumblr
 blogger thewogue.net  odnoklassniki the wogue.net
reddit logo the wogue.net VKontakte thewogue.net
the wogue.net skyrock.com the wogue.net livejournal

you tube

youtube

THE WOGUE.NET RADIO SPREAKER

 SPREAKER RADIO THE WOGUE.NET

STUDIO PR MARKETING & COMMUNICATIONS ARTS & EVENTS

Instagram
 

      THE WOGUE.NET La Sponda

SCARICA LA RIVISTA ! -->      Scarica la rivista!

                                                                                           the wogue.net il blog                                         

 

 

                                 BANDIERA EUROPEA THE WOGUE.NET     BLOGZINE MENSILE XI ANNO. MESE  GENNAIO  2019BANDIERA D'ITALIA THE WOGUE.NET

                                                                                                 LA START-UP E SITO D'INFORMAZIONE A CARATTERE GRATUITO  INTERNAZIONALE BLOGZINE NASCE  NEL MADE IN ITALY DA UNA IDEA NEL 2008 DA PATRIZIA PIERBATTISTA & MIRELLA PIERBATTISTA & GIULIANA MATTEUCCI 
                                                                                                                                                                whatsup the wogue.net +393288862722                                                                                        
 
 
Risultati immagini per logo golf people   motori 360 TONY COLOMBA paola russo comunicazione roma www.paolarussocomunicazione.it
                                                                                      Phone Mobile +393392052380
 

LE COCCODRILLATE DI GIULIANA MATTEUCCI GENNAIO 2019

1 gennaio 2019
THE WOGUE.NET
 
LE COCCODRILLATE
DI
GIULIANA MATTEUCCI
donazione the wogue.netdonate now
PER LE VOSTRE COCCODRILLATE POTETE DONARE SU:

PER DONAZIONI:

 

IBAN IT65J0305801604100320249689 A CHEBANCA!

 

Risultati immagini per giuliana matteucciBy Giuliana Matteucci

redazione.thewogue.net@gmail.comlapostadigiulian@gmail.com

Foto Fonte Internet 

Risultati immagini per gigi radiciItalia Monza. Regione Lombardia, è deceduto il 7 dicembre LUIGI RADICI detto Gigi, allenatore di calcio e giocatore di calcio nasce Cesano Maderno, 15 gennaio 1935  Monza,2018), è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, promotore negli anni settanta del pressing a tutto campo. 
CONTINUA CON LE COCCODRILLATE...

Risultati immagini per gigi radiciVestì le maglie di Milan, Triestina, Padova, da terzino sinistro, nel corso degli anni Cinquanta-Sessanta. Cresciuto alle giovanili rossonere e inizialmente passato in prima squadra con poca fortuna (19 presenze in tre stagioni, 2 scudetti vinti), militò prima negli alabardati, poi nei biancoscudati con cui si meritò il ritorno a Milano, divenendo uno dei protagonisti dello scudetto 1961-62 e della vittoria in Coppa dei Campioni della stagione successiva. Abbandonò la carriera dopo un grave infortunio al ginocchio.Risultati immagini per gigi radici

Risultati immagini per gigi radiciIncominciò ad allenare la squadra del Monza, stagione 1966-67, vincendo il campionato di Serie C e raggiungendo, l'anno seguente, la salvezza in B. Dopo l'esperienza al Treviso conquistò la Serie A col Cesena nel torneo cadetto 1972-73, prima promozione dei bianconeri in Serie A, per poi esordire in A con la Fiorentina nel 1973-74. Dopo l'esperienza al Cagliari l'anno successivo, passò al Torino  dove vinse, nel 1975-76, il primo scudetto del post-Superga, che gli valse il premio Seminatore d'Oro di miglior allenatore dell'anno. Nei campionati successivi raggiunse in granata il 2°, 3°, 5° posto.Risultati immagini per gigi radici

Il 17 aprile 1979 rimase coinvolto in un incidente stradale sull'Autostrada dei Fiori, che stava percorrendo sulla sua auto insieme con l'ex calciatore Paolo Barison. Nello scontro Radice riportò alcune contusioni. Barison perse la vita. Nella stagione 1979-80 fu esonerato dal Torino, con la squadra in zona retrocessione.

Il 26 aprile 2015, intervistato dal quotidiano "Il Giornale", il figlio Ruggero rivelò che Gigi Radice era affetto dalla malattia di Alzheimer.Risultati immagini per gigi radici

 
Risultati immagini per carlo loffredo jazz band mortoItalia Roma, è deceduto Carlo Loffredo (Roma, 4 aprile 1924  Roma, 8 dicembre 2018) è stato un contrabbassista, bandleader, conduttore televisivo e conduttore radiofonico italianoDi origini molisane, autodidatta, comincia a suonare il contrabbasso negli anni della seconda guerra mondiale in un gruppo di universitari dilettanti. Successivamente entra a far parte della 013, prima orchestra jazz italiana, composta da sette elementi e capitanata da Piero PiccioniNel 1945 fonda a Roma, con un gruppo di amici, un circolo di jazz che organizza riunioni di ascolto, jam session ed eventi musicali. Prende parte a diverse formazioni collaborando con altri jazzisti quali Umberto CesariNunzio RotondoWalter Cianfrocca e Romano Mussolini. Nel 1947, con un quintetto di studenti universitari, viene inviato a rappresentare l'Italia a Praga al primo Festival del Jazz, ottenendo il primo premio. Stesso successo otterrà dieci anni dopo a Mosca in un analogo concorso.Risultati immagini per carlo loffredo jazz band morto

Nel 1949 fonda con Franco Nebbia la Roman New Orleans Jazz Band con la quale si esibisce in numerosi spettacoli dal vivo nei locali della capitale e, nei mesi estivi, in località d villeggiatura (Cortina d'Ampezzo, Nervi, Francavilla al Mare).

Protagonista con il suo gruppo di molte serate della dolce vita nella Roma degli anni sessanta, registra per la RCA Italiana numerosi dischi, privilegiando il genere jazz tradizionale, dal dixieland al gospel.Risultati immagini per carlo loffredo jazz band morto

La Seconda Roman New Orleans Jazz Band

Alla fine degli anni '50 forma la Seconda Roman New Orleans Jazz Band, con cui compie numerose tournée in Italia e all'estero, suonando con prestigiosi esponenti del jazz italiano (Bruno Martino, Lelio Luttazzi, Gorni Kramer) e internazionale, quali Django Reinhardt, Louis Armstrong, Dizzy Gillespie, Oscar Peterson, Earl Hines, Chet Baker, Stéphane Grappelli, Joe Venuti e altri.

Compare come musicista in alcuni film (Un americano a Roma, 1954, L'amico del giaguaro, 1958, L'idea fissa, 1964) e commedie musicali (Tutto fa Broadway, 1952 e Ciao Rudy, 1966) e prende parte a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive come autore o come conduttore.Sotto l'etichetta Cetra realizza con Jula de Palma l'album Whisky e Dixie nel 1967 e con Claudio Villa Villa tutto Dixieland nel 1972. Il primo disco non è stato mai ristampato ed è per questo oggi una rarità per i collezionisti. Il secondo disco è stato ristampato in CD dalla Warner nel 2010.

Nel 2008 affida alle stampe la sua autobiografia Billie Holiday, che palle!, pubblicata da Coniglio editore.

Si esibisce regolarmente tutti i martedì sera a Roma, al Cotton Club - il noto locale di Minnie Minoprio - con la sua jazz band comprendente i migliori specialisti italiani del jazz tradizionale:Risultati immagini per carlo loffredo jazz band morto

  • Paolo Petrozziello, cornetta
  • Carlo Ficini, trombone
  • Giorgio Cùscito, sassofono tenore
  • Enzo Il Grande, contrabbasso
  • Osvaldo Mazzei, batteria
Il 21 maggio 2016 è con la sua orchestra sul palco di piazza Navona per il funerale laico di Marco Pannella. 
 
 
 
 
 
 
 
Risultati immagini per PULICI FELICEItalia. Roma è deceduto FELICE PULICI presso ospedale Policlinico, storico portiere della Lazio e dirigente della stessa societa AS LAZIO . Nato a Sovico, in provincia di Milano, Pulici approdò nella Lazio di Tommaso Maestrelli nella stagione '72-'73 conquistando nella stagione successiva lo storico titolo di Campione d'Italia: il primo nella storia della Lazio. Pulici rimase nella squadra capitolina per cinque stagioni, collezionando 150 presenze consecutive. Dopo le brevi parentesi di Monza e Ascoli, Pulici tornò alla Lazio per una sola stagione, quella 1981-1982: l'ultima prima del ritiro dal calcio giocato. In carriera ben 202 le partite giocate dal portiere con la maglia biancoceleste.
Morto Felice Pulici: storico portiere della LazioRisultati immagini per PULICI FELICE
il portiere della Lazio del '74, quella del primo Scudetto. Pulici, che avrebbe compiuto 73 anni la prossima settimana, si è spento dopo una lunga malattia.. Morto Felice Pulici: storico portiere della LazioAllenatore della squadra Primavera nel 1983, Pulici, con l'arrivo di Giorgio Chinaglia alla presidenza della Lazio, entra a far parte dello staff dirigenziale biancoceleste nel ruolo di direttore generale. Dopo aver ricoperto vari ruoli dirigenziali nella Lazio del presidente Sergio Cragnotti, fu poi voluto dal nuovo patron laziale, Claudio Lotito, come membro della segreteria generale nel 2005, per un anno.Risultati immagini per PULICI FELICE


Risultati immagini per enzo boschiItalia. Bologna è deceduto Enzo Boschi, all'età di 76anni, nato ad Arezzo  insigne scienziato  ed insegnante. Infatti ad annunciare alla stampa  i suoi colleghi della università di Bologna, dove si è tenuto i funerali. Ennesima morte di una eccellenza italiana.  Certo con qualche dubbio, ma si sa la scienza sui terremoti è ancora nebulosa, per la prevenzione. Infatti il professore BOSCHI fu scagionato dall'accusa di tentato omicidio durante il terremoto del 2009,  dell'Aquila, perché un suo intervento su previsioni aveva sottovalutato le informazioni tecniche  su scosse di terremoti che potevano essere previste ed accertate, così da essere coinvolto in una inchiesta giudiziaria fu condannato al primo grado e poi al successivo prosciolto.Risultati immagini per enzo boschi
 
Risultati immagini per grazia nidasioItalia. Pavia. Lombardia è deceduta la storica fumettista Grazia Nidasio, ' morta nella notte di Natale 2018 a Certosa (Pavia), dopo una lunga malattia, Grazia Nidasio, storica disegnatrice, considerata la regina del fumetto italiano. Il 9 febbraio prossimo avrebbe compiuto 88 anni. Diplomata al liceo artistico e poi all'Accademia di Brera, negli anni Sessanta entrò, come disegnatrice e redattrice, al 'Corriere dei Piccoli'. Fu lei a inventare il personaggio di Valentina Mela Verde, la cui prima storia uscì il 12 ottobre 1968. Al personaggio di Valentina, Grazia Nidasio ha legato la sua popolarità ottenendo anche il premio Yellow Kid, assegnato al miglior fumetto nel Salone Internazionale di Comies del 1972.Risultati immagini per grazia nidasio

E' stata Grazia Nidasio a inventare personaggi come Nicoletta,

 
Stefi, Scaramacai, Violante, il dottor Oss e il Piccolo Mugnaio Bianco che fu protagonista anche della campagna pubblicitaria del Mulino Bianco negli anno Ottanta.Risultati immagini per grazia nidasio

 

La camera ardente di Grazia Nidasio è stata allestita nel suo ufficio-studio di Certosa (Pavia).Risultati immagini per grazia nidasio

Risultati immagini per umberto marzottoItalia. All'età di 92 anni Umberto Marzotto, è deceduto  uno dei rappresentanti della grande famiglia vicentina del tessile. Terzo figlio del conte Gaetano junior e fratello di Pietro, l'uomo che guidò l'ascesa mondiale dell'azienda, scomparso nell'aprile scorso, Umberto Marzotto soffriva da tempo di una patologia degenerativa. Era l'ex marito di Marta, e padre di Matteo Marzotto. La camera ardente - si apprende da fonti della famiglia - si è aperta  il 2 gennaio nella sede di Zignago Spa, a Portogruaro (Venezia), mentre i funerali sono stati  celebrati il 3 gennaio 2019,  Duomo di Valdagno (Vicenza).«Un uomo di grande equilibrio e di buon senso, un mediatore che sapeva capire i momenti e le situazioni, e soprattutto un ottimo imprenditore». Così Matteo Marzotto - sentito dall'ANSA - ricorda la figura del padre, Umberto. «È stato per certi versi un imprenditore veneto fuori dagli schemi, che ha sempre preferito evitare i riflettori - aggiunge Marzotto - Oggi lo si sarebbe definito un 'marziano'. Aveva una sua idea precisa dell'essere imprenditore. Per me è stato un grande esempio». Umberto, ricorda il figlio, era stato lo sviluppatore nel dopo guerra di quella che poi è diventata la Zignago spa, dellaquale aveva ricoperto la presidenza fino ai primi anni '90.Risultati immagini per umberto marzotto
 
Risultati immagini per umberto marzotto Marzotto sono una famiglia di industriali originaria dell'alto Vicentino, impegnata prevalentemente nel settore tessile (Gruppo Marzotto).

Il suo rappresentante forse più illustre, Gaetano (1894-1972) venne insignito del titolo di conte su proposta del Governo Mussolini nel 1939 a riconoscimento delle istituzioni assistenziali create in Italia e nelle Colonie attorno alle diverse aziende del gruppo Marzotto.

Originari forse della Valle del Chiampo, il più remoto personaggio conosciuto è Giovanni Battista (1660-1726) attivo a Trissino. Nel Settecento si insediarono nella vicina Valdagno dove svolsero varie attività mercantili. Francesco (1730 ca.-1800), nipote del precedente, fu il primo ad interessarsi al settore laniero in seguito al matrimonio con Maria Soster, figlia di un tessitore, mentre il figlio Luigi (1773-1859) aprì di una vera e propria impresa, costruendo nel 1836 la cosiddetta "Fabbrica" dove accentrò i piccoli centri produttivi sparsi per il territorio e basati precedentemente su lavoranti a domicilio.

L'espansione dell'azienda si deve ai discendenti Gaetano senior (1820-1910), Vittorio Emanuele (1858-1922) e Gaetano junior (1894-1972).

Gaetano Marzotto Sr, nato a Valdagno nel 1820 e deceduto nel 1910, figlio di Luigi e di Angela Pedrazza, abbandonò gradualmente l'attività mercantile per dedicarsi unicamente al manifatturiero. Primo sindaco di Valdagno redenta, fu per quattro legislature deputato del Regno, eletto nel collegio di Valdagno-Arzignano, e collezionista di dipinti dell'Ottocento italiano.

Il 28 maggio 1879 Gaetano promosse la costituzione a Londra della società The Province of Vicenza Steam Tramway Company Limited, abilitata ad operare nel Regno in virtù del regio decreto n. MMCCCCXLIX e titolare della concessione della tranvia da Vicenza per Valdagno e Chiampo, strategica per l'inoltro delle materie prime e dei lavorati della nascente industria tessile.

Gaetano Marzotto Sr, ebbe tre figli, Luigi, Vittorio Emanuele, Alessandro.

Luigi Marzotto primo figlio maschio di Gaetano senior e di Anna Tomba entrò in fabbrica da giovanissimo, lavorò alla meccanizzazione della tessitura che rese più veloce grazie ad una turbina a vapore che andò ad alimentare gli alberi motori cui i telai venivano connessi tramite delle cinghie di trasmissione. Luigi fu quindi l'artefice della meccanizzazione e quindi dell'incremento in produttività di tessitura.

Vittorio Emanuele Marzotto Sr, nato a Valdagno nel 1858 e deceduto nel 1922, figlio di Gaetano senior e di Anna Tomba († 1871), ebbe il merito di determinare delle scelte che rappresentarono per la ditta valdagnese un deciso salto di qualità, proiettandola tra i principali produttori italiani. Fu anch'egli deputato per quattro legislature. Morì in conseguenza di una ferita da arma da fuoco in seguito ad un agguato che lo colse all'uscita della sua fabbrica. Il caso divenne presto materia di cronaca scatenando l'interesse popolare; in un primo momento si pensò ad una tragica conseguenza dei forti scontri sociali e sindacali che caratterizzarono quegli anni, ma ben presto si scoprì che, come nei migliori romanzi d'appendice, il movente dell'omicidio era privato e scaturito da una vendetta covata a lungo. L'assassino si rivelò essere un figlio illegittimo mai riconosciuto tornato da lontano per vendicarsi del torto subito da lui e da sua madre

Gaetano Marzotto junior, nato a Valdagno il 11 novembre 1894 e ivi deceduto l'11 agosto 1972, figlio unico di Vittorio Emanuele e di Maria Italia Garbin (1860-1942) completò la trasformazione industriale dell'azienda di famiglia, che lanciò a livello internazionale. Con Regio Decreto del 25 maggio 1939 gli venne concesso il titolo di conte di Valdagno Castelvecchio (a trasmissione ai figli maschi primogeniti) e di conte (a trasmissione a tutti i figli maschi). Sposò Margherita Lampertico († 1939), nipote del senatore Fedele Lampertico (1833-1906), da cui ebbe: Vittorio Emanuele (1922-1999) deputato del Partito Liberale Italiano, Italia (1925-2000), Umberto (1926-2018), Giannino (1928-2012), Paolo (nato nel 1930), Laura (nata nel 1933) e Pietro (1937-2018).

Gaetano junior riuscì a ricompattare in un'unica società le attività industriali laniere discioltesi tra i vari eredi dopo la scomparsa del nonno Gaetano senior all'inizio del Novecento. Decise inoltre di diversificare le proprie attività, destinando crescenti risorse finanziarie alla valorizzazione della tenuta di Villanova-Portogruaro, da cui nacque una conglomerata tessile, agroalimentare (Cantine Santa Margherita) e vetraria (Industrie Zignago). Iniziò infine nel 1949 l'ambizioso progetto di creare una catena di alberghi turistici (la Compagnia italiana dei Jolly Hotels). Come il nonno, fu un grande collezionista di dipinti dell'Ottocento italiano.

Giannino Marzotto, nato a Valdagno il 13 aprile 1928 e deceduto il 14 luglio 2012, figlio di Gaetano junior, fu valente pilota automobilistico legato soprattutto alla Mille Miglia e a lui si deve il ripristino di villa Trissino Marzotto acquistata nel 1951.

Pietro Marzotto, nato a Valdagno l'11 dicembre 1937 e morto a Portogruaro il 26 aprile 2018, figlio di Gaetano junior, fu presidente del gruppo Marzotto, per il quale sviluppò l'export e ne diversificò l'attività, allargandola dalla lana al lino e inserendo altri marchi già famosi (Bassetti, il Linificio e Canapificio Nazionale, Lanerossi, Guabello, Hugo Boss e la maison Valentino). Uscito dall'azienda di famiglia, nel 2011 rileva la celebre gastronomia milanese Peck, ceduta nel 2016 ai figli.

Tra gli esponenti più recenti ha acquisito notorietà Matteo Marzotto (nato nel 1966), l'ultimo dei cinque figli di Umberto e Marta Marzotto.

 

 

Risultati immagini per scrittore ozAmos Oz (in ebraico: עמוס עוז?), nato Amos Klausner (in ebraico: עמוס קלוזנר?) (Gerusalemme, 4 maggio 1939 – Tel Aviv, 28 dicembre 2018) è stato uno scrittore e saggista israeliano. Oltre ad essere stato autore di romanzi e saggi, Oz è stato giornalista e docente di letteratura alla Università Ben Gurion del Negev, a Be'er Sheva. Sin dal 1967 è stato un autorevole sostenitore della "soluzione dei due Stati" del conflitto arabo-israeliano.

Nel suo romanzo autobiografico Una storia di amore e di tenebra, Oz ha raccontato, attraverso la storia della sua famiglia, le vicende storiche del nascente Stato di Israele dalla fine del protettorato britannico: la guerra di indipendenza, gli attacchi terroristici dei Fedayyin, la vita nei kibbutz. Nella vita dello scrittore è stato determinante il suicidio della madre, avvenuto quando il piccolo Amos aveva appena dodici anni. L'elaborazione del dolore si sviluppa ben presto in un contrasto con il padre, un intellettuale vicino alla destra ebraica. Il contrasto padre-figlio portò alla decisione del ragazzo di entrare nel kibbutz Hulda e di cambiare il cognome originario "Klausner" in "Oz", che in ebraico significa "forza".Amos Oz è nato a Gerusalemme. Circa metà dei suoi scritti sono ambientati in questa città e nelle zone circostanti. I suoi genitori, Yehuda Arieh Klausner (inebraico: יהודה אריה קלוזנר) e Fania Mussman (in ebraico: פאניה מוסמן?), erano immigrati sionisti dell'Europa Orientale. Il padre di Amos aveva studiato storia e letteratura a Vilnius, Lituania, e a Gerusalemme era bibliotecario e scrittore. Il nonno materno di Amos era proprietario di un mulino a Rovno, città che a quell'epoca apparteneva alla Polonia, oggi all'Ucraina. Il nonno Klausner in seguito si trasferì con la famiglia ad Haifa. Molti membri della famiglia Klausner erano di destra, sostenitori del Partito revisionista sionista. Il prozio di Amos, Joseph Klausner, fu il candidato del partito Herut alle elezioni presidenziali vinte da Chaim Weizmann ed era docente di letteratura ebraica presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. Amos e la sua famiglia non erano religiosi e rifiutavano tutto ciò che nella religione percepivano come irrazionale. Ciononostante Amos Oz frequentò la scuola religiosa Tachkemoni, visto che la sola alternativa era la scuola socialista affiliata al Partito Laburista Israeliano e i suoi genitori l'avevano scartata per la diversità dei loro valori politici. La famosa poetessa Zelda fu una delle insegnanti di Amos. Amos poi compì gli studi secondari presso la scuola superiore ebraica di Rehavia.Risultati immagini per scrittore oz

Risultati immagini per iaia fiastriIaia Fiastri, nota anche come Jaja Fiastri, pseudonimo di Maria Grazia Pacelli (Roma15 settembre 1934 – Roma28 dicembre 2018), è stata una commediografasceneggiatrice e paroliera italiana.Risultati immagini per iaia fiastriIniziò a scrivere per il cinema nel 1964, collaborando alla sceneggiatura del film L'idea fissa di Mino Guerrini e Gianni Puccini: proseguì quindi la sua attività con pellicole come Il marito è mio e l'ammazzo quando mi pare di Pasquale Festa Campanile e Vedo nudo di Dino Risi.

Nel 1969 venne chiamata da Garinei e Giovannini per sostituire Luigi Magni (impegnato con il suo primo film Faustina) alla stesura del testo della commedia musicaleAngeli in bandiera. Nel 1975 scrisse due canzoni inedite per Caterina Caselli per lo show televisivo Una grande emozione e i testi dello spettacolo televisivo: Innamorata dappertutto e La calzetta. La Fiastri era in procinto di scrivere un musical per la cantante ma all'ultimo momento l'artista diede forfait, ritirandosi di lì a poco dal mondo delle sette note.Risultati immagini per iaia fiastri

La collaborazione fra la Fiastri e il duo Garinei e Giovannini proseguirà ininterrottamente per trent'anni, con alcune delle più famose commedie musicali italiane comeAngeli in bandieraAggiungi un posto a tavolaAlleluja brava gente e Taxi a due piazze.

Lavorò anche autonomamente, per esempio nel 1976 scrivendo Amori miei, musicato da Bruno Canfora e rappresentato in tutta Italia da Ornella Vanoni, Duilio Del Prete e Gianrico Tedeschi: nel 1978 il musical ebbe anche la sua trasposizione cinematografica, sceneggiata dalla stessa Fiastri.Risultati immagini per iaia fiastri

Iaia Fiastri è morta nella sua casa di Roma il 28 dicembre 2018 all'età di 84 anni.

 

TALENT SCOUT MODELS & ARTIST

 

  modelle di alta moda roma e patrizia pierbattista
THE WORLD DE STUDIOPR
CERCA NUOVI VOLTI DI NUOVE
MODELLE/I CASTING
PER INFO
PHONE: +393288862722
CONTACT +393288862722
 
 

STAFF/THE WOGUE.NET

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy