PUBBLICITA'

patrizia pierbattista e garage italia e hertz e la spiaggina fiat
PUBBLICITA' CHIAMA SUBITO! 3288862722 THE WOGUE.NET STUDIOPR
L'OREAL SUBLIME SUN NEW!!!!!
 NEW ENTRY
 
OFFERTA THE WOGUE.NET PUBBLICITA'
 

Youreporter/Vimeo

you reporter.it/the wogue.net VIMEO THE WOGUE.NET
 
 pintarest patrizia pierbattista the wogue.net patrizia pierbattista tumblr
 blogger thewogue.net  odnoklassniki the wogue.net
reddit logo the wogue.net VKontakte thewogue.net
the wogue.net skyrock.com the wogue.net livejournal

you tube

youtube

THE WOGUE.NET RADIO SPREAKER

 SPREAKER RADIO THE WOGUE.NET

STUDIO PR MARKETING & COMMUNICATIONS ARTS & EVENTS

Instagram
 

      THE WOGUE.NET 

SCARICA LA RIVISTA ! -->      Scarica la rivista!

                                                                                           the wogue.net il blog                                         

 

 

                                 BANDIERA EUROPEA THE WOGUE.NET     BLOGZINE MENSILE XI ANNO. MESE  AGOSTO 2019BANDIERA D'ITALIA THE WOGUE.NET

                                                                                                 LA START-UP E SITO D'INFORMAZIONE A CARATTERE GRATUITO  INTERNAZIONALE BLOGZINE NASCE  NEL MADE IN ITALY DA UNA IDEA NEL 2008 DA PATRIZIA PIERBATTISTA & MIRELLA PIERBATTISTA & GIULIANA MATTEUCCI 
                                                                                                                                                                whatsup the wogue.net +393288862722                                                                                        
 
 
Risultati immagini per logo golf people   
                                                                                  
 

LE COCCODRILLATE DE GIULIANA MATTEUCCI DEL MESE DI AGOSTO 2019

1 agosto 2019
THE WOGUE.NET
 
LE COCCODRILLATE
DI
GIULIANA MATTEUCCI
donazione the wogue.netdonate now
PER LE VOSTRE COCCODRILLATE POTETE DONARE SU:

PER DONAZIONI:

 

IBAN IT65J0305801604100320249689 A CHEBANCA!

Risultati immagini per giuliana matteucciBy Giuliana Matteucci

redazione.thewogue.net@gmail.comlapostadigiulian@gmail.com

Foto Fonte Internet 

Risultati immagini per lee iacoccaUsa California, Bel Air  2 luglio ,Mister  Lido Anthony Iacocca,  la leggenda dell'industria automobilistica americana conosciuto col nome di Lee, e' morto all'eta' di 94 anni.
 Era figlio di immigrati italiani, per decenni e' stato l'uomo il più ' potente di Detroit, capitale dell'auto Usa: presidente di Ford alla fine degli anni '70 e negli anni '80 amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione della Chrysler, che salvo' dalla bancarotta, oggi FCA degli Agnelli/Elkann. FCA  ha dato un comunicato: 
CONTINUA CON LE COCCODRILLATE...

 Risultati immagini per lee iacocca " Mister Lee ci ha dato una visione che è quella che ci guida ancora oggi ,caratterizzata da duro lavoro e dedizione e grinta". "Siamo impegnati ad assicurare cha Chrysler, oggi FCA sia tale società un esempio di impegno e rispetto nota per la sua eccellenza quanto per il suo contributo alla società ,la sua eredità è la forza e indistruttibile fede nel futuro che vive negli uomini e nelle donne ch si sforzano ogni giorno di essere all'altezza degli alti standart che lui aveva fissato."  Nel 2009 allora segretario ai trasporti USA Day Lahood, definì Marchionne " la nuova generazione dei Lee Iacocca" , anche lui deceduto prematuramente alcuni anni fa. Lasciando un vuoto.
 

    Il suo nome e' legato ad alcuni modelli di auto che ancora oggi è cool , come la Ford Mustang, di cui viene considerato il padre. E fu sempre lui a lanciare all'inizio degli anni '80 la K-car platform che rilancio' la Chrysler sull'orlo della bancarotta, facendo uscire sul mercato anche i primi monovolume e minivan. Negli ultimi anni della sua carriera alla Chrysler si è dedicato molto alla beneficenza ,contribuendo al restauro della statua della Libertae alla riqualificazione de Ellis Island , isola nella Baia di Manahattan al cui portò attaccavano le navi di immigrati provenienti dall'UE, come quella che portò i suoi genitori originari di San Marco dei Cavoti in provincia di Benevento. mister Lee nacque ad Allentown ,Pennsylvania, nella regione delle acciaierie Dodge i genitori aprirono un ristorante. 
 
 
 
 Risultati immagini per lee iacocca Risultati immagini per lee iacoccaRisultati immagini per lee iacocca
 
Ugo Gregoretti (Roma28 settembre 1930 – Roma5 luglio 2019) è stato un registaattoregiornalista e drammaturgo italiano.

Gregoretti entrò in Rai come impiegato nel 1953 grazie, come raccontava lui, a una raccomandazione.  Nel 1954 entrò a far parte del gruppo di lavoro del Telegiornale diretto da Vittorio Veltroni.  Dopo aver esordito sul piccolo schermo con il documentario La Sicilia del Gattopardo (1960), con cui vinse il Prix Italia, si affermò quale arguto e ironico osservatore di costume con i suoi successivi lavori televisivi (da Controfagotto, 1961, a Il Circolo Pickwick, 1968, dalle serie parodistiche Romanzo popolare italiano, 1975, e Uova fatali, 1977, all'omaggio a Zavattini scrittore, 1982, dall'inchiesta Sottotraccia, 1991, dedicata all'Italia “minore” e seminascosta, a Lezioni di design, trasmissione che presentava oggetti notevoli di design ed i relativi autori e che fu insignita nel 2001 del Premio Compasso d'oro), mentre tra le sue opere cinematografiche si segnalano I nuovi angeli (1962), film-inchiesta sui giovani, l'apologo fantascientifico Omicron (1963), i due documentariApollon, una fabbrica occupata (1969) e Contratto (1971) e l'autobiografico Maggio musicale (1990).Risultati immagini per ugo gregoretti

Dal 1980 al 1989 ha diretto la Rassegna Benevento Città-Spettacolo, e dal 1985 al 1989 il Teatro Stabile di Torino. Si è misurato anche come regista lirico, mettendo in scena tra l'altro una memorabile edizione deL'italiana in Algeri (1976), mentre nel 1998 ha messo in scena Purgatorio 98, una versione rivisitata delPurgatorio di Dante, contenente elementi di contaminazione come l'uso del dialetto napoletano.Risultati immagini per ugo gregoretti

Italia ,Roma è deceduto nella suo a casa  il 5 luglio 2019 UGO GREGORETTI ,regista e attore, nato nel1930, amava dire di essere nato due volte: la prima a Roma il 28 settembre di 89 anni fa da una tranquilla famiglia borghese e la seconda nel 1953 quando ad appena 23 anni entrò per la prima volta alla Rai da impiegato, un mese prima che la tv italiana si accendesse per la prima volta. Pur rimanendo per tutta la vita uno spirito libero, un regista dissacrante, un autore fuori dagli schemi. Gregoretti deve molto alla televisione e questa gli deve forse anche di più perché fu uno dei pochi nell'intellighentia di sinistra a capire ed esaltare l'importanza e le potenzialità del nuovo mezzo di comunicazione e creazione artistica che avrebbe trasformato l'Italia.Risultati immagini per ugo gregoretti
 
Risultati immagini per valentina corteseItalia, Milano è deceduta 10 luglio 2019 , nata il 1 GENNAIO  1923  la nostra attrice più prestigiosa Valentina Cortese,a 96 anni, originaria di Stresa, è stata attrice di cinema e teatro, tra le protagoniste del cinema italiano degli anni Quaranta. Il primo ruolo importante fu quello di Lisabetta nel film La cena delle beffe (1942) di Alessandro Blasetti. È stata anche diva per François Truffaut in Effetto notte (1973), per cui è stata candidata agli Oscar come attrice non protagonista. Ha collaborato a lungo col Piccolo teatro di Milano, con Giorgio Strehler già alla fine degli anni 50. Ed è nella sua città, sul palco del Piccolo teatro che si terrà la camera ardente per il saluto all'ultima diva! La sua ultima apparizione due  anni fa l'attrice è stata celebrata alla Mostra del cinema di Venezia con Diva! il film di Francesco Patierno che rende omaggio alla vita e alla carriera di Valentina Cortese con un cast corale al femminile composto da Barbora Bobulova, Anita Caprioli, Carolina Crescentini, Silvia D'Amico, Isabella Ferrari, Carlotta Natoli, Greta Scarano, Anna Foglietta e con Michele Riondino.Risultati immagini per valentina corteseValentina Cortese (Milano1º gennaio 1923 – Milano10 luglio 2019) è stata un'attrice italiana.

Nata a Milano da famiglia originaria di Stresa, assieme ad Alida Valli e Anna Magnani è stata una delle attrici di punta del cinema italiano degli anni quaranta. Dopo il debutto nel film L'orizzonte dipinto (1940), il primo ruolo importante fu quello di Lisabetta nel film La cena delle beffe (1942) diAlessandro Blasetti.

 
Valentina Cortese nel film La cena delle beffe di Alessandro Blasetti(1942)

Dopo film come La regina di Navarra (1942), Orizzonte di sangue (1943) e Quartetto pazzo (1945), diviene una diva e partecipa a film come I miserabili (1948) in cui compare un giovane Marcello Mastroianni. Insieme lavoreranno anche in Lulù (1953).

Nel 1948 è sotto contratto con la 20th Century Fox. Lavora con James Stewart e Spencer Tracy in Malesia(1949), e viene diretta da Jules Dassin in I corsari della strada (1949). Lavora nel film La contessa scalza (1954) accanto ad Ava Gardner, Humphrey Bogart e Rossano Brazzi, in Italia con Michelangelo Antonioni in Le amiche(1955), film grazie al quale vince il Nastro d'argento come migliore attrice non protagonista, e in Spagna con Luis García Berlanga in Calabuig (1957).

Nel 1958 si ritira temporaneamente dalle scene in seguito a un matrimonio sfortunato con Richard Basehart, che aveva sposato il 24 marzo 1951 e da cui divorzia nel 1960. Dall'unione è nato Jackie, anche lui attore. L'unico rimpianto è quello di avere dovuto rinunciare, a causa della gravidanza, alla proposta giunta direttamente daCharlie Chaplin per il ruolo di protagonista femminile nel suo film Luci della ribalta nel 1952, poi assegnato a Claire Bloom.

 

 

Risultati immagini per augusto fantozziItalia Roma, è deceduto nella sua città Roma,  13 luglio 2019 Augusto Fantozzi, noto politico e figura di spicco in numerosi campi. Aveva 79 anni, nato a Roma .Molti furono i numerosi incarichi ricoperti nella sua lunga e prestigiosa carriera, anche quello di docente. Fantozzi è stato infatti a lungo uno stimato professore ordinario di diritto tributario, e alcuni dei suoi testi riguardanti lo studio delle materie fiscali, sono ancora oggi utilizzati nelle università. Il ruolo di docente lo ha ricoperto dopo aver preso la laurea in giurisprudenza, prima presso l’università di Perugia nel 1971, e poi presso la prestigiosa Sapienza di Roma e alla Luiss, altro ateneo capitolino. E’ stato anche rettore dell’ università Giustino Fortunato di Benevento, e durante il suo lavoro da docente ha fondato il suo studio tributario internazionale, che è poi divenuto nel tempo uno dei più noti d’Italia. Fantozzi è stato anche membro della consulta della città del Vaticano, e poi, fino al 1995, presidente del comitato permanente dell’International fiscal associazione.Risultati immagini per augusto fantozzi

Nel 2008 invece è stato commissario straordinario di Alitalia durante il governo Berlusconi. Laureato in Giurisprudenza, Augusto Fantozzi ha insegnato diritto tributario all’Università di Perugia nel 1971, poi alla Sapienza di Roma e alla Luiss. Avvocato cassazionista, è stato membro della consulta della Città del Vaticano, oltre che presidente del comitato permanente dell’International Fiscal Association fino al 1995. Ed è stato rettore dell’università Giustino Fortunato di Benevento. Ma forte era anche la sua passione politica. Anche se anche lui qualche sospeso con la giustizia anche se era stato archiviato il caso.
 
 
 
 
talia FIRENZE è deceduta Ilaria Occhini ,attrice italiana, Figlia dello scrittore Barna Occhini, nipote abiatica per parte materna di Giovanni Papini (che la descrisse bambina nel racconto breve La mia Ilaria) e per parte paterna del senatore del Regno d'Italia Pier Ludovico Occhini, debuttò nel cinema a diciannove anni nel film Terza liceo con lo pseudonimo di Isabella Redi, per poi diplomarsi all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico" a Roma.Risultati immagini per ilaria occhini

Si affermò presto in televisione, diretta da Anton Giulio Majano negli sceneggiati L'Alfiere e Jane Eyre, e fece il suo esordio a teatro nel 1957 in L'impresario delle Smirne di Carlo Goldoni per la regia di Luchino Visconti, che la diresse anche in Uno sguardo dal ponte e Figli d'arte. Lavorò poi con Orazio Costa e Giuseppe Patroni Griffi.

Ilaria Occhini ed Elena Da Venezianello sceneggiato RAI Tv Graziella1961

In televisione viene ricordata soprattutto per gli sceneggiati Puccini del 1973 e L'Andreana del 1982.Risultati immagini per ilaria occhini

Ilaria Occhini interpretò anche numerosi film, ma raramente, come Un uomo a metà del 1966, in parti da protagonista; tra le caratterizzazioni più riuscite quella nella commedia di Alessandro Benvenuti Benvenuti in casa Gori del 1992, che le valse il Nastro d'argento alla migliore attrice non protagonista.Risultati immagini per ilaria occhini e pivetti

Nel 2005 riconquistò l'attenzione del pubblico televisivo con il ruolo della madre nelle quattro stagioni della popolare fiction di Rai 1 Provaci ancora prof!. Nel 2008 fu la protagonista di Mar Nero, film di Federico Bondi che le valse vari riconoscimenti, come la candidatura ai David di Donatello e la vittoria del Pardo d'Oro alla miglior attrice al Festival internazionale del film di Locarno. Nel 2010 vinse il David di Donatello per la migliore attrice non protagonista con Mine vaganti di Ferzan Özpetek e ottenne il Nastro d'argento alla carriera. Sempre per Mine vaganti vinse il premio Alida Valli per la migliore attrice non protagonista al Bif&st 2011.Risultati immagini per ilaria occhini e pivetti

Vita privata

Fu sposata per oltre mezzo secolo con lo scrittore Raffaele La Capria.

Si impegnò anche in politica, inizialmente al seguito di Marco Pannella e dei Radicali dagli anni ottanta (due le candidature: una alle politiche del 1987 e una alle europee del 2004 con Emma Bonino); nel 2008 aderì invece alla lista Pro Life di Giuliano Ferrara, accettando la proposta di presentarsi nel collegio del Lazio.Risultati immagini per ilaria occhini

Ilaria Occhini ripristinò i vigneti nella fattoria di famiglia di origine cinquecentesca sulle colline attorno ad Arezzo, occupandosi personalmente dell'azienda agricola con la collaborazione della figlia Alexandra La Capria e dei nipoti.

 
 
 
 
 
 
Risultati immagini per saverio borrelliItalia,Milano è deceduto a Milano Francesco Saverio Borrellimorto 20 luglio 2019  a 89 anni, perché faceva parte di quel pool di Mani pulite, di cui Borrelli fu regista. “Spero di poter organizzare per lunedì la camera ardente in Tribunale a Milano – dice Greco – . Con la sua guida autorevole ha fondato lo spirito moderno dell’ufficio  nell’ intransigente rispetto dei valori di indipendenza e legalità. Il suo esempio ispira quotidianamente il nostro lavoro. Nei nostri cuori vive con orgoglio la sapienza di un uomo speciale”. Risultati immagini per saverio borrelliI pm e le toghe di Milano “lo hanno salutato il lunedì 22 luglio dalle 9,30 alle 12 nel Palazzo di Giustizia dove ha lavorato tutta la vita”. Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, esprime il suo cordoglio per la morte di un “magistrato di altissimo valore, impegnato per l’affermazione della supremazia e del rispetto della legge, che ha servito con fedeltà la Repubblica”.Risultati immagini per saverio borrelli
Il giudice lascia la moglie Maria Laura, i figli Andrea e Federica e quattro nipoti. Figlio e nipote di magistrati e a sua volta con un figlio magistrato, Borrelli, trasferitosi a Firenze, ha studiato al conservatorio (la musica, insieme alla montagna, è stata una delle sue passioni) e si è laureato in legge con una tesi su 'Sentimento e sentenzà. Relatore fu Piero Calamandrei. Vinto il concorso nel 1955, è entrato in magistratura come giudice civile a Milano, nel palazzo dove il padre era la più alta carica. Passato dal civile al penale, ha presieduto sezioni di tribunale e di Corte d'Assise, giudicando anche le Br.Risultati immagini per saverio borrelli Negli anni Sessanta è stato tra i fondatori della corrente di Magistratura Democratica. Il 17 marzo 1988 Borrelli è succeduto a Mauro Gresti alla guida della Procura della Repubblica, dove dal 1983 era procuratore aggiunto. È diventato noto con Mani Pulite, la maxi-inchiesta che ha coordinato con il vice Gerardo D'Ambrosio, collega ed amico scomparso il 30 marzo 2014 e con il quale, peraltro, si è talvolta trovato in disaccordo sui temi di politica giudiziaria. Dal 1999 al 2002 come Procuratore Generale ha difeso con fermezza il principio costituzionale della indipendenza della magistratura.Risultati immagini per saverio borrelli
 
 
Risultati immagini per luciano de crescenzoItalia, Roma è deceduto nell' ospedale GEMELLI di Roma ,ricoverato per una polmonite,  lo scrittore regista autorete conduttore televisivo italiano ,l'ingegnere  Luciano De Crescenzo (Napoli18 agosto 1928– Roma18 luglio 2019). Prima di dedicarsi alla narrativa, alla saggistica e allo spettacolo, svolse la professione di ingegnere. Da una sua frase celebre ":«Credo di essere una di quelle scalette con soli tre gradini, che si trovano nelle biblioteche e che consentono di prendere i libri dagli scaffali che stanno più in alto.»
De Crescenzo, Storia della filosofia medievale)

Nacque nel quartiere San Ferdinando, nella zona di Santa Lucia, dove frequentò le elementari assieme a Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer. Nella sua autobiografia raccontò che i genitori si sposarono piuttosto tardi, essendosi conosciuti attraverso "presentazione fotografica" (le nozze furono combinate da una famosa sensale dell'epoca, Amalia 'a Purpessa).Da giovane lavorò nella ditta di guanti gestita dal padre, che aveva imparato l'arte di intagliatore di pelli in un opificio del rione Sanità. Durante la Seconda guerra mondiale la famiglia De Crescenzo si spostò a Cassino, poiché il padre riteneva che questo luogo sarebbe stato più sicuro di altri: "il ventre della vacca" (le cose andarono diversamente, infatti Cassino fu rasa al suolo).Risultati immagini per luciano de crescenzo

Dopo essersi laureato in ingegneria idraulica col massimo dei voti presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" (fu allievo di Renato Caccioppoli, il quale lo convinse a studiare ingegneria idraulica),capì nel 1976 la sua vera vocazione, ovvero quella di "scrittore divulgatore". Prima di trasferirsi a Milano, tuttavia, il futuro scrittore ebbe modo di sperimentare le difficoltà applicative della sua laurea: non riuscendo a trovare adeguata sistemazione nel campo geologico-geotecnico, svolse attività differenti, come il venditore di tappeti in un negozio nei pressi di piazza del Municipio, a Napoli, e persino il cronometrista alle Olimpiadi di Roma, nel 1960.Risultati immagini per luciano de crescenzo

Dopo tale periodo, accettò di trasferirsi nel capoluogo lombardo, dove venne assunto all'IBM, rimanendovi per un ventennio circa, in qualità di addetto alle pubbliche relazioni. Promosso dirigente, decise di lasciare il suo lavoro e dedicarsi a tempo pieno alla scrittura, favorito anche dall'interessamento di Maurizio Costanzo, padrino della sua prima opera, Così parlò Bellavista. Grazie anche alla partecipazione al talk show Bontà loro condotto da Costanzo e ad altre manifestazioni pubbliche, fra il 1976 e il 1977 il suo libro vendette più di 600.000 copie e fu tradotto anche in giapponese, diventando un vero e proprio caso letterario.


 

Nel corso degli anni Luciano De Crescenzo divenne così un autore di successo internazionale. Ha pubblicato in totale cinquanta libri, vendendo 18 milioni di copie nel mondo, di cui 7 milioni in Italia. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e diffuse in 25 paesi. Tra questi una lunga serie di romanzi (Oi dialogoi del 1985, Sembra ieri del 1997, La distrazione del 2000), cui si aggiungono opere di saggistica divulgativa (Storia della filosofia greca - I Presocratici del 1983, Storia della filosofia greca - Da Socrate in poi del 1986, Storia della filosofia medievale del 2002, Storia della filosofia moderna - da Niccolò Cusano a Galileo Galilei del 2003, Storia della filosofia moderna - da Cartesio a Kant del 2004, Il pressappoco del 2007, Il caffè sospeso del 2008, Socrate e compagnia bella del 2009), Ulisse era un fico del 2010, Tutti santi me compreso del 2011, Fosse 'a Madonna del 2012, Garibaldi era comunista del 2013, Gesù è nato a Napoli dello stesso anno e Ti porterà fortuna del 2014.

Nel 1998, con l'opera Il tempo e la felicità edita da Mondadori, vinse il Premio Cimitile.

Luciano De Crescenzo affiancò sempre alla sua attività di scrittore quella di divulgatore, capace di introdurre anche il lettore più inesperto ai problemi sollevati dalla filosofia antica; oltre ai suoi numerosi libri nel corso degli anni ottanta e novanta condusse sulle reti Rai una trasmissione televisiva (Zeus - Le Gesta degli Dei e degli Eroi) sui miti e sulle leggende degli antichi greci, pubblicata da Arnoldo Mondadori Editore e ritrasmessa anche da Mediaset. Nel 1994 la città di Atene gli conferì la cittadinanza onoraria, proprio per i suoi lavori di divulgazione sulla filosofia greca. De Crescenzo si interessò anche alla filosofia medievale e, in minor misura, a quella moderna e contemporanea.

Nel 1995 Forza Italia gli propose di candidarsi tra le sue file, ma egli preferì rifiutare; negli ultimi anni si schierò più volte apertamente, invitando a votarli, con i Radicali di Emma Bonino.Si definiva ateo cristiano.

Sposatosi nel 1961, ebbe una figlia, Paola, e si separò.Risultati immagini per luciano de crescenzo

Negli ultimi anni soffrì di una particolare malattia neurologica, la prosopagnosia, che non gli permetteva di riconoscere i volti delle persone conosciute È morto il 18 luglio 2019 a quasi 91 anni al Policlinico Agostino Gemelli di Roma, dove era ricoverato da alcuni giorni per una polmonite.Risultati immagini per luciano de crescenzoRisultati immagini per luciano de crescenzo

 

Risultati immagini per camilleriItalia,Roma è deceduto il maestro del giallo, Andrea Calogero  Camilleri, all'età di 94 ,ricoverato da alcuni giorni in ospedale Santo Spirito, nato a Porto Empledoche 6 settembre 1925 – Roma17 luglio 2019) è stato uno scrittoresceneggiatoreregistadrammaturgo e insegnante italiano. Ha insegnato regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica.

Andrea Calogero Camilleri nasce il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle (AG), figlio unico di Carmelina Fragapane e di Giuseppe Camilleri, ispettore delle compagnie portuali che partecipò alla Marcia su Roma.Risultati immagini per camilleri

Vive a Roma dalla fine degli anni quaranta e dal 1968 trascorre alcuni mesi l'anno a Bagnolo, frazione di Santa Fiora, nel territorio del Monte Amiata in Toscana. Dal 26 settembre 2014 è cittadino onorario del borgo toscano, da lui descritto come suo "luogo del cuore"; il 14 agosto 2017 gli viene intitolato il Teatro Comunale del paese grossetano.Risultati immagini per camilleri

Dal 1939 al 1943, dopo una breve esperienza in Collegio Vescovile "Pio X", dal quale fu espulso per aver lanciato delle uova contro un crocifisso, studia al Liceo Classico "Empedocle" di Agrigento dove nel 1943 otterrà la maturità senza fare esami, poiché, a causa dei bombardamenti e in previsione dell'imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate, le autorità scolastiche decisero di chiudere le scuole e di considerare valido il secondo scrutinio trimestrale.Risultati immagini per camilleri

A giugno dello stesso anno comincia, come ricorda lo scrittore, «una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere, di sangue, di paure». Tra il 1946 e il 1947vive a Enna, in due misere stanzette prive di riscaldamento, e casualmente, dapprima attirato dal tepore, comincia a frequentare con assiduità la Biblioteca Comunale diretta dall'avvocato Fontanazza. Diventato suo amico questi gli fa conoscere gli scritti originali di due celebrità letterarie locali: Nino Savarese e Francesco Lanza.Risultati immagini per camilleri

Diventa anche amico di Franco Cannarozzo, che poi divenne un famoso scrittore di romanzi di fantascienza con lo pseudonimo di Franco Enna. Camilleri ricorda che il periodo ennese lo indusse a partecipare a certamen letterari, e fu proprio nel 1947 che vinse il Premio Firenze con alcune sue poesie. Camilleri, nel documentario Rai "Il luogo e la memoria" (da lui scritto e letto) attesta il debito letterario verso Enna: «...Ed io, proprio in quelle due stanzette, credo di essermi formato come scrittore»Come regista    inizia  a lavorare come regista teatrale nel 1942. Nel 1944 si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Palermo, ma non consegue la laurea.S'iscrive al Partito Comunista Italiano e dal 1945 pubblica racconti e poesie, arrivando anche fra i finalisti del Premio Saint Vincent.Risultati immagini per camilleri

Nel 1949 viene ammesso, unico allievo regista per quell'anno, all'Accademia nazionale d'arte drammatica, dove conclude gli studi nel 1952, contemporaneamente ad allievi attori che diverranno celebri, come Luigi Vannucchi, Franco Graziosi e Alessandro Sperlì, con i quali stringe amicizia; da allora esegue la regia di più di cento opere, soprattutto di drammi di Pirandello. Tra il 1945 e il 1950 pubblica racconti e poesie, vincendo anche il Premio Saint Vincent. Alcune sue poesie vengono pubblicate in un'antologia curata da Giuseppe Ungaretti.

Scrive i suoi primi racconti per riviste e per quotidiani come L'Italia socialista e L'Ora di Palermo.

È il primo a portare Beckett in Italia, di cui mette in scena Finale di partita nel 1958 al Teatro dei Satiri di Roma e poi ne cura una versione televisiva con Adolfo Celi e Renato Rascel. A Camilleri si devono anche le rappresentazioni teatrali di testi di Ionesco (Il nuovo inquilino nel 1959 e Le sedie nel 1976), Adamov (Come siamo stati nel 1957, prima assoluta in Italia), Strindberg, T. S. Eliot. Porta in teatro i poemi di Majakovskij nello spettacolo Il trucco e l'anima.


Insegna al 
Centro sperimentale di cinematografia di Roma dal 1958 al 1965 e poi dal 1968 al 1970; è titolare della cattedra di regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica dal 1977 al 1997. Scrive su riviste italiane e straniere (RidottoSiparioIl drammaLe thèâtre dans le monde) e dal 1995 su l'«Almanacco letterario» (Edizione dell'Altana).Nel 1954 partecipa con successo a un concorso per funzionari Rai, ma non viene assunto poiché comunista, come disse lui stesso.] Entra alla Rai tre anni dopo Nel 1957 sposa Rosetta Dello Siesto da cui ha tre figlie e quattro nipoti.

Dal 1959 a tutti gli anni sessanta, tra le molte produzioni Rai di cui si occupa come delegato alla produzione hanno successo gli sceneggiati Le avventure di Laura Storm, con Lauretta Masiero, e le fiction con il tenente Sheridan, protagonista Ubaldo Lay (fra cui la miniserie La donna di quadri), Le inchieste del commissario Maigret, protagonista Gino Cervi.

Nel 1968 cura la regia del teleromanzo Lazarillo, tratto dal romanzo Lazarillo de Tormes, con Paolo Carlini e Vittorio Guerrieri.


Nel 1984 pubblica, per 
Sellerio editoreLa strage dimenticata, senza successo.Nel 1978 esordisce nella narrativa con Il corso delle cose, scritto dieci anni prima e pubblicato gratuitamente da un editore a pagamento con l'impegno di citare l'editore stesso nei titoli dello sceneggiato TV La mano sugli occhi tratto dal libro che non viene distribuito e rimane ignoto al pubblico dei lettori. Nel 1980 pubblica con Garzanti Un filo di fumo, primo di una serie di romanzi ambientati nell' immaginaria cittadina siciliana di Vigata a cavallo fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento. Grazie a quest'ultima opera Camilleri riceve il suo primo premio letterario a Gela.

Nel 1992 riprende a scrivere dopo dodici anni di pausa e pubblica La stagione della caccia e nel 1993 La bolla di componenda, entrambe presso Sellerio Editore. Nel 1994 pubblica La forma dell'acqua, primo romanzo poliziesco con il commissario Montalbano e successivamente (1995) Il birraio di Preston, che partecipa al Premio Viareggio e grazie al quale, pur senza classificarsi, riesce a ottenere un discreto successo di pubblico.

Camilleri diventa un autore di grande successo e i suoi libri, ristampati più volte, vendono mediamente intorno alle 60 000 copie, anche se non tutti trovano il consenso unanime della critica che lo accusa di essere a volte ripetitivo.


 

Dal 1995 al 2003 si amplia il fenomeno Camilleri, che di fatto esplode nel 1998. Titoli come Il birraio di Preston (1995) (quasi 70.000 copie vendute), La concessione del telefono e La mossa del cavallo (1999) vanno a ruba, mentre la serie televisiva su Montalbano, interpretato da Luca Zingaretti, ne fa ormai un autore cult. Nel 2001 viene pubblicato il romanzo Il re di Girgenti, ambientato nel Seicento, interamente scritto in siciliano inframmezzato con lo spagnolo.

Alla fine del 2002 accetta la nomina di direttore artistico del Teatro Comunale Regina Margherita di Racalmuto, inaugurato nel febbraio 2003 alla presenza del Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi.

Pubblica, sempre con Sellerio, altri romanzi: nel 2004 La pazienza del ragno, nel giugno 2005 La luna di carta: tutti con protagonista Salvo Montalbano. A marzo 2005 viene edito Privo di titolo. Tra il 2006 e il 2008, pubblica altri cinque romanzi che hanno per protagonista Montalbano: La vampa d'agostoLe ali della sfingeLa pista di sabbiaIl campo del vasaioL'età del dubbio. Nel 2007 vince il Premio letterario "La Tore - Isola d'Elba".

Il 2009 incomincia con il romanzo La danza del gabbiano, vincitore nello stesso anno della XXVI edizione del Premio Cesare Pavese. Tutti presso Sellerio nella collana La Memoria, fondata da Leonardo Sciascia.

Nel 2010 nella stessa collana escono i successivi romanzi di Montalbano, La caccia al tesoro e Il sorriso di Angelica, ai quali si affianca un terzo romanzo, Acqua in bocca, pubblicato da minimum fax. Scritto insieme con Carlo Lucarelli nella forma "epistolare" già sperimentata con successo ne La scomparsa di Patò, il romanzo vede per la prima volta il commissario Montalbano interagire con un altro investigatore letterario, l'ispettore Grazia Negro creata appunto da Lucarelli.

Nel febbraio 2008 per Mondadori pubblica Il tailleur grigio e nel giugno dello stesso anno con Sellerio Il casellante, secondo romanzo di una trilogia di romanzi fantastici, primo dei quali è il romanzo Maruzza Musumeci pubblicato nel 2007, conclusasi nel 2009 con Il sonaglio. Inoltre, sempre nel 2008, pubblica, per la prima volta sul web (e precisamente sul quotidiano on-line AgrigentoNotizie) un suo racconto, La finestra sul cortile (già apparso in versione cartacea sul mensile Il Nasone di Prati), che vede come protagonista sempre il commissario Montalbano, inserito come appendice nel libro Racconti di Montalbano.

Il 4 settembre 2008 ha vinto il Premio internacional de novela negra RBA con un inedito in lingua spagnola dal titolo La muerte de Amalia Sacerdote che sarà pubblicato in Spagna il 9 ottobre 2008 e in Italia nel 2009 con il titolo La rizzagliata.

Di particolare interesse la serie di romanzi dedicata ai grandi pittori: nel 2007 pubblica per Mondadori Il colore del sole (Caravaggio), nel 2008 per Skira La Vucciria (Guttuso) e nel 2009 sempre per Skira il romanzo ambientato nella "sua" Agrigento Il cielo rubato. Dossier Renoir(Renoir).


 

Nel 2009 pubblica per Rizzoli il romanzo pirandelliano La tripla vita di Michele Sparacino.

Nel 2010, oltre ai già citati romanzi con protagonista Montalbano, escono presso Sellerio Il nipote del Negus, una divertente storia ambientata nella Vigata del ventennio fascista, e, presso Mondadori, L'intermittenza, thriller ambientato nella Milano odierna.

Nel 2011 Camilleri collabora con Edoardo De Angelis nel brano Spasimo, contenuto nell'album del cantautore romano Sale di Sicilia, insieme con Franco Battiato. Sempre lo stesso anno gli viene conferito il Premio Fondazione Il Campiello.Risultati immagini per andrea camilleri da ragazzo

 

 
Risultati immagini per rutger hauer Rutger Oelsen Hauer Breukelen23 gennaio 1944 – Beetsterzwaag19 luglio 2019 è stato un attore e attivista olandese.

Nato nella provincia di Utrecht, crebbe ad Amsterdam, figlio, con altre tre sorelle, di una coppia di attori drammatici. Sulle orme del nonno, capitano di lungo corso, a 15 anni lasciò la famiglia per imbarcarsi su una nave mercantile. Costretto a tornare sulla terraferma a causa del daltonismo da cui era affetto, svolse lavori saltuari di elettricista e carpentiere, mentre frequentava le scuole serali di recitazione.

Interruppe nuovamente le scuole per intraprendere per un breve periodo la carriera militare in marina, ma dopo poco si trasferì in Svizzera, dove cominciò a lavorare come guida alpina e, in seguito, come macchinista in un teatro di Basilea. Tornato ad Amsterdam, ottenne il diploma di arte drammatica nel 1967.Risultati immagini per rutger hauer

Da un primo matrimonio ebbe una figlia, l'attrice Aysha Hauer (1966), che lo rese nonno nel 1987 di Leandro Maeder, modello. In seguito si legò a Ineke Ten Kate, che sposò nel 1985.Risultati immagini per rutger hauer

Hauer svolse diverse attività a favore dell'ambiente e nel sociale. Nel 1994 si batté per la liberazione del cofondatore di Greenpeace Paul Watson (successivamente fondatore di Sea Shepherd Conservation Society), arrestato con l'accusa di avere causato l'affondamento di una nave baleniera. Costituì una fondazione, la Rutger Hauer Starfish Association per la ricerca sull'AIDS e l'aiuto dei malati nel mondo. Nel 2007 pubblicò un'autobiografia, All Those Moments: Stories of Heroes, Villains, Replicants, and Blade Runners, scritta con Patrick Quinlan.Risultati immagini per rutger hauer

È morto il 19 luglio 2019, dopo una breve malattia all'età di 75 anni nella città di Beetsterzwaag. La notizia è stata data dal suo agente il 24 luglio, e il funerale si è svolto in forma privata lo stesso giorno.Risultati immagini per rutger hauer

 
Risultati immagini per nika mcguigan Irlanda, è deceduta l'attrice NIKA GUICAM 
Nika McGuigan non ce l’ha fatta. L’attrice irlandese, figlia dell’ex pugile Barry McGuigan, è morta all’età di 33 anni. A dare la notizia è stato il fratello Shane, manager e promoter di boxe, che in un commosso messaggio d’addio pubblicato su Instagram ha rivelato che la sorella lottava da tempo contro un cancro al seno.Mi si spezza il cuore – recita il post di Shane – a scrivere queste parole. La mia bellissima sorella, Danika, ha perso la sua battaglia contro il cancro, nelle prime ore di martedì mattina, alla giovane età di 33 anni. Era riuscita a superarlo una volta lottando per due anni, quando aveva dagli 11 ai 13 anni. Io stesso, i miei fratelli e i miei genitori abbiamo avuto il privilegio di vivere altri 20 anni dalla prima battaglia della nostra incredibile Nika. Purtroppo Nika non è riuscita a sconfiggerlo di nuovo, ma ha combattuto con un enorme coraggio fino alla fine”.Risultati immagini per nika mcguigan

Il cordoglio social per Nika McGuigan

Ho ricordi – conclude Shane – che conserverò per tutta la vita e tu vivrai per sempre nella mia anima. Sono così orgoglioso di te! Ti vorrò bene per sempre, sei stata la mia ‘sorellina’ più grande”.Risultati immagini per nika mcguigan

 
 
 
 
 
 
 
Risultati immagini per GEORGE HILTONItalia, Roma è deceduto George Hilton, talvolta accreditato come Jorge Hilton, nome d'arte di Jorge Hill Acosta y Lara(Montevideo16 luglio 1934 – Roma28 luglio 2019), è stato un attore uruguaiano naturalizzato italiano.

Nato e cresciuto in Uruguay, è divenuto famoso grazie alle sue apparizioni in molti spaghetti western. Inizia la carriera lavorando in radio. Nel 1955 si trasferisce in Argentina, adotta lo pseudonimo di Jorge Hilton e comincia ad apparire in diversi fotoromanzi e in produzioni cinematografiche destinate al mercato interno del paese.Risultati immagini per GEORGE HILTON

Nel 1963 giunge in Italia seguendo l'esempio di altri attori sudamericani come Jorge Rigaud e Alberto de Mendoza, attirati dalla fiorente industria cinematografica romana. Dopo aver anglicizzato il suo nome in George, ottiene il ruolo principale in una pellicola di pirati: Il corsaro nero nell'isola del tesoro (1965) ed interpreta, nello stesso anno, un emulo di 007 nel film comico Due mafiosi contro Goldginger con Franco e Ciccio.

Viene lanciato nel genere western dal regista Lucio Fulci col film Le colt cantarono la morte e fu... tempo di massacro (1966), al fianco di Franco Nero ed in breve diviene un'icona nel genere. L'anno seguente partecipa infatti a ben sette produzioni del filone, alimentando la sua fama a livello internazionale ed ottenendo buon seguito soprattutto in Spagna. Diventa una delle maggiori star del cinema italiano assieme a Terence Hill, Franco Nero e Giuliano Gemma. I suo personaggi più famosi sono probabilmente quello del pistolero del west Alleluja, creato insieme al regista Giuliano Carnimeo e quello di Tresette.Risultati immagini per GEORGE HILTON

Affronta anche altri generi, dal dramma al film di guerra, approdando infine al giallo con la pellicola di Romolo Guerrieri Il dolce corpo di Deborah (1968). Dotato di un fascino languido e tenebroso, l'attore si adatta perfettamente al genere e così viene chiamato ad interpretare alcuni dei più noti titoli del filone tra cui: Lo strano vizio della signora Wardh (1970), La coda dello scorpione (1971), Tutti i colori del buio(1972), diretti da Sergio Martino e Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer? (1972) di Giuliano Carnimeo, sempre affiancato da Edwige Fenech.

Partecipa anche a film polizieschi (Torino violenta - 1977), commedie (Taxi Girl - 1977) e fanta-avventurosi (I predatori di Atlantide - 1983), ma dagli anni ottanta le sue apparizioni si fanno sempre più sporadiche. Lavora in film per la TV (A cena col vampiro - 1988), telefilm (College(1989), il sequel di AbbronzatissimiAbbronzatissimi 2 - Un anno dopo (1993), dove interpreta l'attempato fidanzato di Bea (Valeria Marini) e la miniserie Tre addii (1999). Nel 2007 prende parte al film Natale in crociera, di Neri Parenti, nel ruolo del comandante della nave.

È morto il 28 luglio 2019 a Roma.Risultati immagini per GEORGE HILTON

 Risultati immagini per raffaele pisuRaffaele Pisu, nome d'arte di Guerrino Pisu (Bologna24 maggio 1925 – Castel San Pietro Terme31 luglio 2019), è stato un attorecomicoconduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano.Fratello di Mario Pisu, esordì ai microfoni di Radio Bologna nell'immediato dopoguerra in trasmissioni divarietà (era, tra l'altro, "l'Uccellino della radio" che impartiva consigli e ammonizioni ai giovani ascoltatori all'interno della trasmissione per bambini Il grillo parlante), figurando nello stesso periodo tra i fondatori del teatro La Soffitta di Bologna.

Combattente partigiano, durante il conflitto fu internato in Germania per 15 mesi. Dopo due stagioni nella compagnia di Memo Benassi (1947-49), sufficienti a fargli comprendere che la sua vera vocazione era il teatro comico, giunse a Radio Roma, dove entrò nella Compagnia del teatro comico musicale dellaRai prendendo parte a numerose commedie (come La serenata al vento di Carlo Veneziani del 1950) e allo spettacolo itinerante di Silvio Gigli il Giringiro. L'attività radiofonica gli fruttò grande popolarità soprattutto grazie alla sua comicità sorniona e alle macchiette pensate e interpretate per i celebri varietà dell'epoca, come Zaccaria, fidanzato di Adalgisa (Liliana Feldmann) in Chicchirichì (1953) e Prospero in Rosso e nero (1955).

Risultati immagini per raffaele pisuNegli stessi anni collaborò con la Compagnia di prosa di Radio Roma partecipando a diversi allestimenti come ...E la missione continua, radiodramma diGuido Guard (1950), e Le convivenze teatrali di Antonio Simon Sografi (1955).Quando comparve con Gino Bramieri e Marisa Del Frate nei "filmati" del programma L'amico del giaguaro presentato da Corrado (1961) il suo volto era già noto al pubblico; aveva infatti recitato in commedie brillanti all'italiana degli anni cinquanta, partecipato al varietà di Metz e Marchesi Lui, lei e gli altri (1956) e al teleromanzo-musical Valentina(1958). Accanto alla comicità "barzellettiera" e prevalentemente verbale di Bramieri, Pisu si distingueva nelle caricature dei personaggi allora in voga.Risultati immagini per raffaele pisu

Da ricordare anche l'insolito (ma riuscito) ruolo drammatico nel film Italiani brava gente (1965) e la partecipazione a numerose riviste teatrali, come Sembra facile (1961) e Italiani si nasce (1964).

 
Raffaele Pisu con Gino Bramieri eRoberto Villa ne L'amico del giaguaro(1961)

In seguito partecipò nel 1966 dapprima a Camera 22, una trasmissione diGianfranco Bettetini, accanto al fratello Mario e a Luigi Silori, e poi a La trottola e nel 1968 a Vengo anch'io. Nella trasmissione Ma che domenica amici (1968) lanciò il personaggio di Provolino, un pupazzo che ebbe successo al punto da diventare protagonista di un disco per la RCA e di alcuni album a fumetti. Sempre nel 1968, prese parte alla commedia musicale a puntate Non cantare, spara nel ruolo del bounty killer Nebraska Joe.

Nel 1969 presentò i varietà televisivi Senza rete e La domenica è un'altra cosa e nel 1971 il varietà Come quando fuori piove. Nel 1974 condusse il programma Foto di gruppo, con la partecipazione di Gianfranco Funari e Tony Binarelli. Nel 1976 presentò insieme a Gianni Agus il programma Ma che scherziamo?

Pisu non interruppe mai, comunque, il suo rapporto con la radio, prendendo parte negli anni a numerosi programmi d'intrattenimento: tra gli altri, nel 1967 condusse con Grazia Maria Spina il gioco musicale a premi Le mille lire, mentre nel 1969 fu il mattatore del quiz dedicato allo sport automobilistico Indianapolis e nel 1971 presentò con Minnie Minoprio The Pupil, corso semiserio di lingua inglese.

 

Dopo un lungo periodo di silenzio (cominciato nel 1977 e interrotto solo dalla conduzione di Gran bazar sull'emittente televisiva locale Telecentro nel 1978), ritornò al suo pubblico dapprima nella trasmissione radiofonica Varietà Varietà, dove interpretava il personaggio del "Tele Radio Postino", quindi nel 1989, sempre alla radio con Radiouno '90 (varietà di musica e sport della domenica mattina) e in TV con Striscia la notizia, telegiornale satirico di Canale 5, in coppia con Ezio Greggio.Risultati immagini per raffaele pisu

Tra le sue apparizioni più recenti, quelle nelle fiction televisive Non ho l'età (2001) e Non ho l'età 2 (2002), Una vita in regalo (2003), Ma chi l'avrebbe mai detto (2007) Marameo (2008) e Don Matteo 6 (2008). Da segnalare anche la partecipazione a diversi film, come Il trasformista (2002), Le conseguenze dell'amore (2004) e Non c'è più niente da fare. (2008). Infine, nel 2007 torna a teatro con Delitto perfetto di Frederick Knott per la regia di Geppy Gleijeses e successivamente nel 2011 è in tournée teatrale con la commedia Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa per la regia di Gianluca Guidi.

Muore il 31 luglio 2019 all'età di 94 anni a Castel San Pietro Terme, nel bolognese.Risultati immagini per raffaele pisu

 

 
 

TALENT SCOUT MODELS & ARTIST

 

  modelle di alta moda roma e patrizia pierbattista
THE WORLD DE STUDIOPR
CERCA NUOVI VOLTI DI NUOVE
MODELLE/I CASTING
PER INFO
PHONE: +393288862722
CONTACT +393288862722
 
 

STAFF/THE WOGUE.NET

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy