PUBBLICITA'

patrizia pierbattista e garage italia e hertz e la spiaggina fiat
PUBBLICITA' CHIAMA SUBITO! 3288862722 THE WOGUE.NET STUDIOPR
L'OREAL SUBLIME SUN NEW!!!!!
 NEW ENTRY
 
OFFERTA THE WOGUE.NET PUBBLICITA'
 

Youreporter/Vimeo

you reporter.it/the wogue.net VIMEO THE WOGUE.NET
 
 pintarest patrizia pierbattista the wogue.net patrizia pierbattista tumblr
 blogger thewogue.net  odnoklassniki the wogue.net
reddit logo the wogue.net VKontakte thewogue.net
the wogue.net skyrock.com the wogue.net livejournal

you tube

youtube

THE WOGUE.NET RADIO SPREAKER

 SPREAKER RADIO THE WOGUE.NET

STUDIO PR MARKETING & COMMUNICATIONS ARTS & EVENTS

Instagram
 

      THE WOGUE.NET 

SCARICA LA RIVISTA ! -->      Scarica la rivista!

                                                                                           the wogue.net il blog                                         

 

 

                                 BANDIERA EUROPEA THE WOGUE.NET     BLOGZINE MENSILE XI ANNO. MESE  SETTEMBRE 2019BANDIERA D'ITALIA THE WOGUE.NET

                                                                                                 LA START-UP E SITO D'INFORMAZIONE A CARATTERE GRATUITO  INTERNAZIONALE BLOGZINE NASCE  NEL MADE IN ITALY DA UNA IDEA NEL 2008 DA PATRIZIA PIERBATTISTA & MIRELLA PIERBATTISTA & GIULIANA MATTEUCCI 
                                                                                                                                                                whatsup the wogue.net +393288862722                                                                                        
 
 
Risultati immagini per logo golf people   
                                                                                  
 

LIBREANDO... LE RECENSIONI DEL MESE DI SETTEMBRE 2019

1 settembre 2019
LE RECENSIONI LIBRI &...
 LIBREANDO

LIBREANDO...

LE RECENSIONI DEL MESE DI SETTEMBRE 2019 

 
Risultati immagini per TECNOLOGIA HI-NEXT TOO WOGUERisultati immagini per TECNOLOGIA HI-NEXT TOO WOGUE

PER DONAZIONI:

 

IBAN IT65J0305801604100320249689 A CHEBANCA!

patrizia pierbattistaBy Patrizia Pierbattista
redazione.thewogue.net@gmail.comredazione.thewogue.net@gmail.com 
flash fotografico the wogue.net linda eyesFoto by Linda Eyes Studiopr/TheWogue.net 
rebus al bistrot editore fefe REBUS AL BISTROT -30 enigmi enogastronomici "testi di Anna Maria Colombo, disegni Michele D'Agostino e prefazione Ennio Peres.112 pagine con disegni e nella copertina con rebus e soluzioni dei rebus. L'idea nasce da una storia vera di un locale a Torino, a due passi dalla Mole, è un Bistrot,(bar /ristorante).Nel bancone vi è uno specchio dove Michele D'Agostino da anni disegna rebus per la clientela,ogni mese cambia disegno, che corrisponde ad una sua ricetta.Questo libro è un antologia di 30 di quei rebus da cui soluzioni svelano i nomi di 7 antipasti, 7 primi, 7 secondi,4 dolci  5 bevande, via dicendo. La prefazione  è a cura di grande ginecologo Ennio Peres.Anna Maria Colombo, dove spiega la storia dei rebus, dalle tavolette egizie sin ai tempi nostri,  storica dell'arte con formazione e curriculum particolare.Grafica tessile, oltre confine, guarda caso noi con la Moda ci si sguazza, pubblicato 60 libri, scrive saggi e articoli su architettura,scultura lignea,ceramiche. Già professore a contratto di storia dell'arte Alpina all'Università di Torino. Michele D'Agostino sin da giovane disegnava per poter al meglio esprimersi. Abbiamo trovato questo piccolo libro esaustivo sulla storia dei rebus e novità per i estimatori dei bistrot, che potranno incontrare la storia, la cultura del enogastronomia.  Ecco alcuni dettagli tecnici: € 12.00  editore Fefè 111 pagine.rebus al bistrot fefe editorerebus al bistrot dietro
CONTINUA CON LIBREANDO LE RECENSIONI...

Risultati immagini per rebusCosa è un Rebus? Semplicemte Il rebus è un gioco enigmistico classico consistente in una vignetta che il solutore deve interpretare per ricavarne una frase risolutiva.

L'etimologia del nome "rebus" è incerta, ma si fa comunemente risalire all'ablativo latino di res (= cosa), a suggerire che la frase è espressa con le cose, ossia con gli oggetti presenti nella vignetta. La parola "rebus" è anche metaforadi una situazione intricata e di difficile interpretazione. In questo senso Antonio Tabucchi ha intitolato Rebus un suo racconto, e Ian Rankin ha chiamato Rebus il protagonista dei suoi romanzi polizieschi.Alla vignetta di un rebus sono generalmente, ma non sempre, apposti segni grafici con una duplice funzione:

  • indicare gli oggetti rilevanti ai fini della soluzione;
  • costituire, di solito, frammenti della frase risolutiva stessa.

Tipicamente è questa la "normale" conformazione di un rebus, che va interpretato alternando lettere e parole in modo da costruire una frase (es.: CO maschereSI dentiapi SA = Comasche residenti a Pisa). Il solutore ricava tale frase anche grazie a un diagramma numerico indicante la lunghezza delle parole e le loro relazioni. Il diagramma può essere costituito dalla sola seconda lettura (frase risolutiva) o anche dalla prima. Nell'esempio citato, un diagramma semplice sarebbe 8 9 1 4; uno dotato di prima lettura 1, 1 8; 1, 1 5; 3 1, 1 = 8 9 1 4. La vignetta va disegnata in modo tale che i grafemi, ossia le lettere esposte, risultino leggibili da sinistra a destra nel loro ordine; i grafemi apposti non sono mai più di tre consecutivi, anzi il loro numero complessivo, quanto più è basso, tanto più incrementa l'eleganza del gioco. L'insieme di un oggetto e dei suoi grafemi si denomina chiave.
Esistono però molti casi di rebus muto, in cui non sono previste lettere, bensì asterischi: essi svolgono solo la prima delle funzioni indicate, non dovendosi aggiungere agli oggetti nessun grafema (es.: Avi degenti = Avide genti). Alcuni rebus muti poi non presentano nemmeno gli asterischi: in questo caso la soluzione è data da una descrizione complessiva della scena. Quando una lettera ha vicino a sè un'altra lettera più piccola, bisogna frapporre tra loro la vocale A, mentre se ci sono due lettere sopra un soggetto ma leggermente distanziate tra loro, bisogna inserire la vocale E.

 
 
Anna Maria Colombo – Storica dell’arte con formazione e curriculum particolari. Prima degli studi universitari è stata grafica tessile e ciò le ha procurato una professionalità in cui la conoscenza storica si somma a quella tecnica. I suoi interessi vanno oltre i confini del campo tessile. Autrice di oltre sessanta pubblicazioni, ha scritto e scrive articoli e saggi su architettura, scultura lignea, ceramiche. Già professore a contratto di Storia dell’Arte Alpina all’Università di Torino.
Michele D'Agostino – Fin dai primi anni della sua vita ha trovato nel disegno il mezzo migliore per esprimersi. Appassionato di pittura e fumetto, si cimenta in entrambe le discipline. È diplomato all’Accademia Albertina di Torino in Pittura, e alla Scuola Internazionale di Comics di Torino in Fumetto. Per hobby inventa e disegna rebus. Dal 2011 cura la striscia umoristica “BAB” che pubblica dal 2013 tutte le domeniche su http://macomedisegni.blogspot.it/ 

Il Prefatore

Ennio Peres – E' nato a Milano il 1 dicembre 1945 e vive a Roma da sempre, laureato in Matematica con lode, ex professore di Informatica e di Matematica. Dalla fine degli anni settanta svolge la professione di giocologo, con l’intento di diffondere tra la gente, tramite ogni possibile mezzo, il piacere creativo di giocare con la mente. Curatore di conferenze, corsi e seminari, tenuti in oltre ottanta località italiane ed estere, autore di circa cinquanta libri di argomento ludico e di divulgazione scientifica, ideatore di giochi in scatola e di giochi radiotelevisivi, collaboratore di varie testate giornalistiche nazionali e del Canton Ticino, si avvale costantemente della consulenza della moglie, Susanna Serafini, architetto e illustratrice.

 
 
 
 
 
 
 
Risultati immagini per graphe editoreDa parte de Graphe edizione, ci sono pervenuti due piccoli libri, racconti di misteri autore d'eccezione Carlo Lapucci, esperto nel campo della letteratura, della linguistica e delle tradizioni popolari, vive a Firenze. Come esperto ha partecipato alla trasmissione di Radiodue ( RAI ITALIA) "La Luna nel pozzo".la vecchia dei cammini graphe edizioni Collabora con giornali e riviste tra cui "ILSOLE24ORE"," Toscana oggi", " LA NAZIONE","Studi Piemontesi", "Erbe d'Arno", "il Caffe illustrato". I due libri sono: "La vecchia dei Cammini- vita pubblica e segreta della befana," di pagine 47 al costo di €6.00, dalla copertina verde senza illustrazioni. Ma all'interno con un illustrato di un anonimo italiano, da una collezione privata / BRIDGEMAN IMAGE, poesia del Pascoli dedicata alla Befana, dove si evince che non si può rispondere alle domande sulla complessa questione della vita segreta e pubblica della befana.graphe edizioni
Una mescolanza di espressioni delle varie tradizioni pagani e cristiani sul culto e simboli ancestrali e antropologiche sulla figura della vecchia dei Cammini.graphe edizioni
 
l'arte di fare il cattivo Il secondo libro "L'arte di fare il cattivo- Ovvero origine, Epifania, e metamorfosi dell'orco" ,sempre l'autore Carlo Lapucci, di 55 pagine dal costo di €6.00. La copertina dal colore blu chiaro, senza figure dove vi sono alcune incisioni su legno di Lorentz Schultes,XVII secolo,  presi da Wikipedia Commons, filastrocche dove si parla del cattivo, l'Orco. Oggi nel nostro mondo l'Orco è assai presente, come i Pedofili, i stupratori, rapitori, terroristi, manipolatori affettivi e narcisista maligno, da cui scappare a gambe elevate, come ne spiegano molti scrittori che abbiamo incontrato, come Roberta Bruzzone, Lilli Luini ed altri dove la personificazione del Orco e abilmente descritto e sottoposto ad analisi. Le favole servono ad identificare l'Orco per il futuro. Tratto da alcune frasi che ci hanno colpito: " l'osservazione partecipante del disagio sociale odierno aiuta a comprendere che i problemi dell'individuo vanno al di là dei loro termini puramente individuali. La ragione ha abbandonato l'individuo per farsi caratteristica strutturale delle grandi organizzazioni buracratiche impersonali, metaindividuale. Forse siamo forse in presenza di una trasformazione radicale di una idea di un uomo...." questo è solo uno stralcio dei punti fondamentali dell'autore. 
 
 
 
 
 
il pensiero involontario nelal società irreita armando editorelibro " Il pensiero involontario -nella società riferita" collana Modernità e Società. Scritto da Franco Ferrarotti, si occupa della tensione, oggi avvertita su scala planetaria fra la logica del pensiero della lettura silenziosa e riflessiva,  la logica dell' audiovisivo. Qui troviamo anche un simpatico siparietto dell'autore  si definisce "ritardato" perché non consulta internet, non cliccare sui social e su Wikipedia. Eessendo professore emerito di sociologia all'Università di Roma La Sapienza, egli è un "uomo di carta " come gli aveva predetto il padre,all'epoca contestando.dietro libro il pensiero involotario armando editore
Il piccolo testo è formato da 96 pagine, con sette capitoli dove si può intravedere dal prezzo di €12,00. L'atrofia della memoria e la dissoluzione dell'individuo. Intellettuali e Società dove notiamo una frase: I giovani di oggi trovano questa operazione difficile; la rifiutano." Un messaggio in bottiglia lanciato in mezzo al mare senza alcuna certezza che mai qualcuno leggerà. 
Risultati immagini per il pensiero Cosa è il Pensiero? E cosa e dove  ci porta? Il pensiero è l'attività della mente, un processo che si esplica nella formazione delle idee, dei concetti, della coscienza, dell'immaginazione, dei desideri, dellacritica, del giudizio, e di ogni raffigurazione del mondo; può essere sia conscio che inconscio.Pensiero è un termine che deriva dal latino pensum (participio del verbo pendere: "pesare"), e stava ad indicare un certo quantitativo di lana che veniva appunto "pesata" per poter essere infine passata alle filatrici le quali a loro volta avevano il compito di trattarla. Il "pensum" era quindi la materia prima, più grezza, designante metaforicamente un elemento o un tema che doveva essere secondariamente trattato, elaborato, dandogli così una nuova forma.

Si può notare in ciò la peculiarità attribuita al pensiero, come qualcosa di straordinariamente semplice, che rende possibile oggetti complessi: nel senso cioè che l'attività del pensiero si esplica nel comporre oggetti, ovvero pensare significa pensare oggetti composti. Da questo punto di vista, l'attività del pensiero è ciò che è a monte degli oggetti pensati, pur essendo della loro stessa sostanza.

involontàrio agg. [dal lat. tardo involuntarius, comp. di in- e voluntarius «volontario»]. – Non volontario, di cosa fatta senza il concorso della volontà, senza deliberata intenzione: movimento i.; falloerrore i.; colpaomissione i.; essere l’itestimone, oprotagonistadi una vicendasono stato io la causa idel danno. Raro, in funzione predicativa, senza o contro la volontà di una persona: Non fia ch’involontari io vi ritegna(T. Tasso). In fisiologia, muscolatura i., l’insieme dei muscoli (muscoli i.) la cui contrazione non è soggetta al controllo della volontà: vi sono compresi tutti quelli costituiti da fibrocellule lisce e alcuni da fibrocellule striate.  Avv.involontariaménte, in modo involontario, senza intenzione, per caso: lo urtò involontariamentescusarsi del danno involontariamente arrecato.

Risultati immagini per franco ferrarottiFranco Ferrarotti (Palazzolo Vercellese, 7 aprile 1926) è un sociologo italiano.

Intellettuale poliedrico, oltre ad essere stato tra i protagonisti della istituzionalizzazione della sociologia in Italianegli anni sessanta, ha avuto un'esperienza come deputato della Repubblica Italiana ed ha poi seguito la carriera accademica che si è conclusa raggiungendo il ruolo di professore emerito di sociologia alla Sapienza - Università di Roma.Laureatosi in filosofia all'Università di Torino nel 1949, con una tesi su "La sociologia di Thorstein Veblen", fondò con l'amico Nicola Abbagnano nel 1951 i Quaderni di Sociologia, ai quali dette un seguito nel 1967, fondando anche la rivista di cui è ancora direttore, La critica sociologica.

Fu tra i collaboratori di Adriano Olivetti dal 1948 per circa dodici anni e, in rappresentanza del Movimento Comunità, deputato indipendente al Parlamento per la III Legislatura (1958-1963) della Repubblica Italiana (subentrò in Parlamento, ad Adriano Olivetti, dopo le sue dimissioni, il 12 novembre 1959).

Dal 1957 al 1962 è direttore della Divisione dei fattori sociali nell'O.E.C.E. (ora O.C.S.E.) a Parigi. Nel 1961 ottenne la prima cattedra di sociologia in Italia, all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", dopo aver vinto il primo concorso bandito in Italia per questa disciplina, venendo per questo considerato oggi il decano della sociologia italiana. Nel 1962 contribuì alla creazione della facoltà di sociologia dell'Università di Trento, dove avrà la sua seconda cattedra di professore di sociologia.Nel giugno 2016 prende posizione a favore della riforma Costituzionale dichiarando: "Il referendum che si svolgerà in dicembre si profila come una sfida cruciale per smantellare o difendere interessi e privilegi consolidati, una sfida che va molto al di là della stessa riforma del Senato. Mi ricorda il referendum tra monarchia e repubblica. Renzi o non Renzi, se non vince il SI' andiamo incontro ad anni bui. Io però ho fiducia nella maturità democratica del popolo italiano e credo che, alla fine, la razionalità prevarrà." Tali affermazioni verranno in seguito criticate da alcune personalità.

 
 
 
 
 
 
gli uomini renna david bellatalla Topffer editore
 
 
 
Risultati immagini per david bellatalla David Bellatalla  è docente di antropologia alla Università di Ulan Bator - Mongolia, ricercatore e studioso di nomadismo che da oltre vent’anni svolge ricerche in ambito antropologico–culturale. Ha compiuto spedizioni scientifiche in Asia e America del Sud, realizzando libri, articoli, documenti filmati e immagini relativi a numerose realtà etniche del pianeta.
Dal 1992 ha iniziato un costante lavoro di investigazione scientifica sul nomadismo in Mongolia. Ha condotto ricerche antropologiche sulle popolazioni Aghin-Buriati, Tsaatan, Darkhat, Toba e Uriankhai per conto di Accademie delle Scienze e atenei di diversi paesi delmondo.
Nel 2008 è stato insignito della Medaglia d’Argento per meriti umanitari dalla Croce Rossa della Mongolia e attualmente è impegnato nella realizzazione di una “casa della speranza” per bambini di strada nel Gheer District della capitale Mongola, per dare rifugio a coloro che non hanno un tetto sulla testa, in una regione dove in inverno si sfiorano i 50 gradi sotto zero.dietro libro gli uonini renna david bellatallail libro fotografico gli uomini rennagli uomini renna david bellatallabellatalla david gli uomini renna
david bellatalla li uomini renna gli uomini renna david bellatallaRisultati immagini per uomini renna
Cosa è Topffer? O meglio chi era? Rodolphe ( Ginevra 31 gennaio 1799 8 giugno 1846) pedagogo e insegnante, illustratore e scrittore stimanto da Gothe, praticamente il primo fumettista, l'inventore del romando grafico, la graphic novel. Ecco la storia e l'idea del nome della casa editrice.
Chi sono gli Uomini Renna? Sono gli ultimi testimoni di un tempo. Oggi di questa grande etnia millenaria e di origine turca si contano solamente 50 famiglie. Conosciuti anche come Tsaatan o  uomini-renna, i Dukha sono “il popolo della taiga” oppure, come loro stessi amano definirsi, “i cavalieri delle renne”. Ci troviamo ai confini fra Mongolia e Siberia, in una fetta di terra remota e isolatissima, ricoperta da  abeti e larici, in una porzione di quella che è la più grande foresta dell’emisfero boreale.Qui si vive ai confini dell’impossibile e, per farlo, si è costretti a migrare fino ad undici volte all’anno con inverni rigidissimi, dove le temperature scendono spesso a 50 gradi sotto lo zero. Sono nomadi e cacciatori ma, a differenza dei Sami della Lapponia, gli Tsaatan cavalcano e mungono le proprie renne. Le rispettano ma non le uccidono, come fanno i Nenet della Siberia, se non quando sono oramai vecchie e incapaci di brucare. Gli Tsataan addomesticano le renne e le abituano ad essere cavalcate fin da giovanissime, caricandole con un peso di 20 chili il primo anno, passando a 40 chili il secondo anno e così a 5 anni sono pronte per essere cavalcate. Sono oramai in pochi a vivere la taiga tutto l’anno, a restare nei campi invernali e primaverili, a partecipare alle battute di caccia. Anche il dialetto darkhad è destinato a scomparire e con esso la storia millenaria di una grande etnia, gli Tsaatan, i Dhuka, il popolo della taiga, i cavalieri delle renne.

Gli Tsaatan della Mongolia si sono divisi in due gruppi, quelli della “east” e della “west” taiga, separati da un centinaio di chilometri forse e da infinite distese di conifere.
Gli uomini Renna Tsaatan: I signori della Taiga ,edito da Topffer, per la collana Prototypia,  Letteratura illustrata, scritto e foto di Davide Bellatalla e Sandra Zagolin. Direzione editoriale e artistica di Beppe Mecconi, prima edizione gennaio 2019. Il libro è di pagine 101 con il finale positivo perché una storia a lieto fine dove i protagonisti hanno salvato un popolo.
La storia segreta dei Mongoli gli Tsaatan ai tempi di Gengis Khan, ad oggi, varie tribù di di nomadi della Regione della Taiga. Dove vivono le renne ed i loro popoli de Tsaatan. I due scrittori e fotografi negli anni 90 si ritrovarono a fare un viaggio per conoscere un popolo nella taiga,  le loro storie ma a contatto con loro e la  precarietà con le malattie che stava uccidendo la  fonte di sostegno, l'allevamento delle renne. Il popolo della Taiga si cibavano della carne della renna, oltre a usare le pelli ed il resto, così anche gli uomini si ammalavano e morivano senza le cure specifiche. Anche se usavano erbe medicinali del loro ricco territorio. I due nostri cittadini, fotografi trovarono il modo per aiutare questo popolo e fu così, gli italiani come abbiamo detto nelle prime righe salvarono un popolo  sta a voi di leggere ed osservare questo libro, magari da metterlo sul vostro tavolino nel salotto a favore dei vostri ospiti. Il costo è di € 24.00 ben spesi.
 
 
 
 
 
La casa sulla spiaggia. The kissing booth
 
 
 
 
 
 
Risultati immagini per beth reekles Chi è l'autrice? Beth Reekles?E' una  giovane ragazza inglese di sole 24 anni nasce a Wales in United Kingdom il 7 giugno 1995.18 Maggio grazie alla De Agosrini. Nato su Wattpad, è diventato un successo internazionale da cui è tratto il nuovo film di Netflix. Vincitore del premio Watty nel 2014 come storia più popolare, più discussa, più amata del web. Un libro che ha già affascinato oltre 19 milioni di lettori nel mondo. 
Avete visto il film su Netflix noi ancora no, ma forse ci sarebbe la possibilità. Solo per comprendere meglio la vicenda di questi ragazzi. Per ora  sto leggendo  il libro e voi?E-book: € 6,99
Cartaceo: € 15,90
Casa editrice: De Agostini
Genere: Young Adult
Link di acquisto: https://amzn.to/2rGuLif
Beth Reekles ha iniziato a scrivere The Kissing Booth a soli 15 anni, caricandolo un capitolo dopo l’altro su Wattpad, dove è nata una community di fan che le chiedeva di continuare a scrivere.
Grazie a The Kissing Booth, Beth Reekles è stata finalista del premio Women of future Young Star nel 2013 e ha ricevuto il premio Queen of Teen nel 2014. Sempre nel 2013 è stata nominata dal “Time Magazine” come sedicesima teenager più influente e discussa al mondo e nel 2014 dal “The Times” al sesto posto della lista delle Top 20 under 25. Da allora Beth si è laureata in fisica ed è diventata un’autrice di successo.
In questo periodo estivi ci vuole proprio leggere una storia leggera e fresca dai caratteri giovani e con le storie sviluppate forse solo per ragazzi adolenti, ma perchè no anche per adulti per comprendere il loro mondo ed il nostro nell'insieme. Questo è il libro in e.book che ci è pervenuto dalla casa editrice De Agostini Young dove con un nuovo dispositivo con Windows 10 si può ascoltare sia con voce maschile che femminile le vicende di questi ragazzi sulla spiaggia  che cercano di capire le novità di una estate e di un percorso da fare in quell'estate.Risultati immagini per la casa sulla spiaggia Gli amori diversi come quello che la protagonista femminile Rochelle  si trova a combattere tra la parte del cuore dell'A maiuscola dell'amore giovanile  di Noah, oppure con l'amicizia quasi da fratello di Lee più grande.  La storia si intrersica sulla spiaggia ed in una casa dove tutti abitano anche i genitori dei due maschi. Ma c'è Noah che per quell'anno sarà l'ultima volta che stanno insieme sulla casa della spiaggia, perchè deve andare all'università e quindi il clima è diversa dal solito. I genitori di lui si propongono di far capire ai due che il vero problema di questa storia è e sarà la lontananza e le sue difficoltà di proseguire. Poi durante una uscita sulla spiaggia per prendere una bevanda si imbattono in un vecchio gruppo di conoscenti di Noah ed uno di questi fa delle battute contro di loro due e Elle cerca di fermare il nervosismo di Noah, ben sapendo  che era sempre irrascibile e subito finiva in rissa. Lo  porta via di lì e dopo un po' lui parla delle sue vecchie abitudini e ringrazia lei di starle vicino in quel momento. Forse da quel momento il rapporto tra i due si rinforza e maturano insieme nel comprendere che la violenza non serva molto per uscire da una situazione incresciosa. ora basta nel raccontare la storia sarebbe indelicato per  voi lettori darvi altre notizie del libro, se nò che gusto poi acquistarlo e leggerlo.  Lo abbiamo trovato semplice nella lettura  e  ben concepito anche per l'immagine di un film, come si evince nella storia dell'autrice che nè ha gia venduto i diritti. Da leggere tutto in un fiato per la prima volta poi se vorreste ripassare le storie in maniere più dettagliata allora leggetelo con parsimonia. Buona lettura sia a giovani che non ma solo di anima giovane.Risultati immagini per the  kissing booth il film
 
 
 

TALENT SCOUT MODELS & ARTIST

 

  modelle di alta moda roma e patrizia pierbattista
THE WORLD DE STUDIOPR
CERCA NUOVI VOLTI DI NUOVE
MODELLE/I CASTING
PER INFO
PHONE: +393288862722
CONTACT +393288862722
 
 

STAFF/THE WOGUE.NET

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy